FoggiaLavoro

ASL Foggia, Uil FPL dichiarano stato di agitazione


Di:

Entrata ASL Foggia (image N.Saracino)

Entrata ASL Foggia (fonte image N.Saracino)

Foggia – La scrivente unitamente agli eletti RSU nella lista UIL FPL, evidenziano la gravissima situazione di organizzazione del lavoro e dei servizi che, da troppo tempo, affliggono tutto il personale dipendente dell’Area di comparto le cui criticità influiscono negativamente sia sotto l’aspetto giuridico ed economico sia sotto l’aspetto professionale del servizio.
 
Non c’è dubbio che gli ultimi episodi di negoziazione contrattuali, conclusesi con adesioni parziali di organizzazioni sindacali e con soluzioni giuridiche fortemente contestate dalla scrivente, avevano l’obiettivo di sollecitare e richiamare l’attenzione della S.V., ad assicurare quel contesto normativo, a nostro parere, che consenta il recupero di proficue e ordinate relazioni sindacali.
 
Spiace constatare che, alla data odierna, la S.V non abbia ancora provveduto, nè a convocare le OO.SS. del comparto, nè a chiarire le delicate questioni di carattere economico, che la scrivente nel frattempo Le ha rappresentate con nostre reiterate missive, quali sullo straordinario, pronta disponibilità, produttività e C.I.A.
 
Di fronte al silenzio ed alla manifesta volontà del non fare, è difficile auspicare soluzioni che trovino il giusto equilibrio nel contemperare le diverse esigenze e difficoltà che emergono in una fase di riorganizzazione delle strutture e dei servizi che sta interessando questa ASL, quali ad esempio le dotazioni organiche.
 
Purtroppo un tale atteggiamento, di fatto, non fa che alimentare ed aumentare una contrapposizione, inopportuna e sterile, che acuisce ancora di più un clima di tensione e di incertezza a danno del personale dipendente che si vede negato diritti previsti contrattualmente e dalla normativa vigente.
Né tantomeno è più tollerabile l’adozione di delibere, sempre a nostro parere, viziate ab origine che istituiscono ex ante a favore di dipendenti, ad esempio l’Area Tecnica, nuovi uffici non ricompresi in una dotazione organica ancora da definire e da approvare dall’organo regionale e tutt’ora carente dell’atto Aziendale quale strumento necessario di autogoverno della ASL.
 
L’adozione di questi atti sta creando, di fatto, un comportamento di palese disparità di trattamento economico/giuridico ed organizzativo tra il personale dipendente e quello interessato dagli atti adottati, in particolare dell’Area Tecnica, nella quale viene escluso a priori personale di pari livello e qualifica senza sapere i criteri e le modalità adottate che giustifichino una tale scelta sia sul piano professionale sia sul piano giuridico e contrattuale.
 
Nello specifico ci riferiamo alla delibera n.DG479/13 del 17/03/2013 e alla delibera n.DG495/13 del 22/03/2013, quest’ultima adottata da questa Direzione, in applicazione dell’ex art.17 c.3 del CCNL 7/4/99, in presenza di altre domande inoltrate da altri dipendenti riguardanti altri profili professionali e tutt’ora in attesa di riscontro da parte dell’Amministrazione e pertanto ne chiediamo la revoca immediata, dei provvedimenti citati.
 
Infine, in ossequio ai principi sanciti dalle vigenti norme contrattuali, si sollecita la S.V. a voler convocare con urgenza le OO.SS. per la discussione e verifica degli istituti contrattuali relativi allo straordinario, pronta disponibilità, produttività e del contratto integrativo aziendale.
 
Ai revisori dei Conti che leggono la presente si chiede di poter acquisire un parere tecnico contabile, anche in riferimento alle nostre note precedenti trasmesse, che smentiscano nel merito i nostri dubbi oppure che confermino le nostre osservazioni.
 
All’Assessore delle Politiche alla Salute unitamente al suo Dirigente di Area si chiede di approfondire le nostre osservazioni acquisendo eventualmente la documentazione de qua.
 
Nel contempo si chiede di essere notiziati con nota di riscontro nell’autorevole intervento che auspichiamo ed avvenga in tempi brevi.
 
Tale esigenza rinviene in quanto la situazione che i lavoratori vivono quotidianamente a causa di una disattenta organizzazione (vari ordini di servizio, trasferimenti), di carenza di personale, e di non certezza di riconoscimento di istituti di salario accessorio, e della imminente predisposizione della dotazione organica.
 
Vi preannunciamo che abbiamo già predisposto un calendario di assemblee nei vari presidi ospedalieri per informare ulteriormente, anche se già i lavoratori vivendo il disagio quotidiano, sono ben coscienti e preoccupati per la situazione attuale e quindi scaturirà in una prima iniziativa di un presidio in piazza della Libertà il giorno 26 giugno 2013.
 
A S.E. Signor Prefetto la presente preannuncia lo stato di agitazione del personale che scaturirà dalle varie assemblee del personale che si terranno nei giorni 10 – 11 e 12 p.v.
 
Cordialità.
 
I rappresentanti R.S.U. UIL FPL                              IL SEGRETARIO TERRITORIALE RESPONSABILE
Belpiede Giuditta                                                      (Dott. Luigi Giorgione)
Carchio Eugenio
Di Benedetto Antonio
Di Ianni Gianluca
La Porta Michele
Lioce Luciana
Tampone Francesco
Tarantino Leonardo
Tardio Annalisa
Trombetta Domenico
Spera Filippo

ASL Foggia, Uil FPL dichiarano stato di agitazione ultima modifica: 2013-06-24T11:23:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • oreste

    Finalmente…qualcuno che si ricorda che ci sono anche i diritti del lavoratori da salvaguardare. Le questioni vanno affrontate insieme. Insieme si decide qual’è la soluzione migliore e che vada a favore del dipendente. Basta con il nepotismo. Basta con la politica del leone (io conosco, tu non conosci. Date una libera possibilità a tutti i dipendenti di occupare quel posto vacante, tenendo conto dei requisiti, delle capacità, dell’impegno morale e giuridico di ciascuno. I dipendenti vanno stimolati a tirar fuori le potenzialità, che potrebbero dare un valore aggiunto all’Azienda. Non va usato un linguaggio a senso unico (ordine di servizio). Meditate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This