Economia

Letta fiducioso su Iva ma “aumento deciso nel 2011 da Berlusconi”


Di:

Letta/Berlusconi (statoquotidiano - il terremoto@)

ROMA – “Non è che io o il governo si voglia aumentare l’Iva: incremento che è già nel bilancio dello Stato ed è figlio di decisioni iniziate nella prima metà del 2011 quando di fronte a un momento crisi profonda il governo Berlusconi” decise l’aumento “per cercare salvare situazione”, afferma Enrico Letta parlando a ‘In Mezz’orà. Insomma, “l’aumento è stato già deciso e noi dobbiamo trovare le risorse per evitarlo. O spostarlo. Leggo sui giornali: molti editoriali o leader politici che dicono che bisogna evitare l’aumento dell’Iva e sono d’accordo ma l’aumento c’é. Bisogna trovare altre risorse. Sono fiducioso che troveremo una soluzione ma dico, attenzione, i diktat non servono a nessuno”.

”Di fibrillazioni ce ne saranno tante” – prosegue il premier, sottolineando come la maggioranza sia ”originale e la situazione particolare” e come non possa esserci una ”maggioranza che non discute. Bisogna farci – dice – abitudine. Non è che io voglia aumentare l’Iva, o che lo voglia il mio governo. La decisione venne presa nel 2011 dal governo Berlusconi per salvare una situazione. Quanto all’Imu, “E’ stato fissato per legge che entro il 31 agosto ci sarà la riforma dell’imposta e ci impegnamo a mantenere l’impegno.

“Sinceramente – sottolinea – non credo che sia una settimana decisiva più di altre, in questa c’é il Consiglio Europeo ma ce ne sono state altre precedenti importanti”. Lo afferma il premier Enrico Letta, nel corso della trasmissione ‘In mezz’orà.

Fonte ANSA

Letta fiducioso su Iva ma “aumento deciso nel 2011 da Berlusconi” ultima modifica: 2013-06-24T08:28:15+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This