Edizione n° 5257

BALLON D'ESSAI

IRONIA // Fiorello sui Ferragnez: “Da Fazio scopriremo la verità, sempre che il Codacons non lo impedisca”
23 Febbraio 2024 - ore  10:05

CALEMBOUR

GOSSIP // Ferragnez, è davvero crisi? L’ombra del bluff dietro la separazione
23 Febbraio 2024 - ore  17:24
/ Edizione n° 5257

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Puglia. Tribunale condanna nota finanziaria per usura

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
24 Ottobre 2019
Cronaca //

Il Tribunale di Brindisi, Giudice dott. Gianluca Fiorella, con la sentenza  n.1490/2019  ha  accertato la nullità parziale di due contratti di finanziamento stipulati tra un consumatore, patrocinato dall’avv. Vincenzo Vitale, e una  nota Finanziaria, in relazione all’ammontare degli interessi pattuiti, in quanto usurari, e ha condannato la Finanziaria alla restituzione, in favore del mutuatario, della complessiva somma di €.8.259,00, oltre interessi legali dalle singole dazioni e interessi anatocistici dal momento della domanda giudiziale.

Il  primo finanziamento   del 9/11/2007 prevedeva l’erogazione di € 9.286,67, a fronte di un importo richiesto di € 9.500,00, da restituire in 48 rate costanti. Detto rapporto veniva estinto il 9/04/2009, contestualmente all’erogazione di un nuovo finanziamento di € 10.667,08 (a fronte di un importo richiesto di €.9.500), di cui € 7.025,95 destinati all’estinzione del precedente debito. Anche quest’ultimo finanziamento veniva estinto anticipatamente il 10/10/2012.

A seguito di consulenza tecnica  d’ufficio, con riguardo al primo contratto, veniva accertato che il TAEG era del 18,88% e quindi superiore al tasso soglia del  18,795% . Anche  in relazione al secondo contratto, il TAEG applicato  del 15,88%  era superiore, seppure di un solo centesimo, al tasso soglia del 15,87%.

Tale accertamento ha comportato per entrambi i contratti la gratuità dei rapporti, in applicazione di quanto disposto dall’art.1815, coma II, c.c..

Conseguentemente il Tribunale, in accoglimento della domanda proposta, ha disposto la restituzione  in favore del mutuatario di quanto dallo stesso versato in eccedenza rispetto al capitale ricevuto, calcolato dal CTU  nella somma di € 2.228,49 con riferimenti al primo contratto, e di €.6.030,51 con rifermento al secondo contratto, per un totale di € 8.259,00. Su detto importo ha  riconosciuto al mutuatario il diritto agli interessi legali dai singoli versamenti e gli interessi anatocistici dal 4/11/2014, data dell’avvio dell’azione giudiziaria. La società finanziaria è stata condannata a pagare anche le spese di lite.

 

( avv. Vincenzo Vitale)

Lascia un commento

“Quando hai lasciato il sistema e hai preso il premio, i combattimenti sono finiti e i cacciatori si sono sciolti. Sai com’è. Sono mercenari. Non sono fanatici.” Carl Weathers (Greef Karga)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.