Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

VIOLENZA Foggia, picchiata per anni salvata dal centro antiviolenza: “Abbiate coraggio. Denunciate”

La svolta per lei è arrivata circa due anni fa, quando il figlio, ormai adolescente, le chiede perdono

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
24 Novembre 2023
Foggia // Primo piano //

FOGGIA – Porte sbattute, specchi rotti, schiaffi, spintoni ed un insostenibile senso di oppressione, di privazione della libertà. E’ il racconto di una 40enne rumena residente a Foggia da oltre 20 anni, che è riuscita, dopo quasi due decenni di violenze e sopraffazioni, a liberarsi del proprio carnefice grazie al sostegno e all’aiuto di un’amica e del centro anti violenza ‘Carmela Morlino’ di Foggia, intitolato ad una vittima di femminicidio ed ora invita le altre donne a denunciare ogni sopruso.

“Sentivo tutta la sua rabbia nel rumore che faceva sbattendo le porte e rompendo tutti gli oggetti che trovava in casa”, spiega la donna, sottolineando come la sua situazione sia addirittura “peggiorata” con la nascita del loro figlio, diversi anni fa.

Nel suo racconto la 40enne sottolinea di aver sempre lavorato “per riuscire a sopravvivere da sola, a badare a me stessa e a mio figlio. Il convivente si era dedicato all’alcool e lì si rifugiava con gli amici credendo di risolvere qualsiasi problema”.

La svolta per lei è arrivata circa due anni fa, quando il figlio, ormai adolescente, le chiede perdono.

“‘Perdonami mamma perchè so che sei rimasta con papà così violento solo per me, per farmi comunque crescere con un padre’. Queste parole – spiega Maria – hanno rappresentato il campanello d’allarme, ma anche la svolta”. Lo stesso figlio avrebbe difeso più volte la madre davanti alle violenze del padre.

La donna dopo aver denunciato l’uomo avrebbe subito minacce, anche di morte e offese da parte dell’uomo, fino al provvedimento del divieto di avvicinamento e allontanamento da parte dell’autorità giudiziaria. Ora attende che la giustizia faccia il suo corso.

“Abbiate coraggio. Denunciate”, conclude la 40enne rivolgendosi alle altre donne che vivono situazioni drammatiche.
Daniela Gentile legale del centro antiviolenza, che ha seguito fin dall’inizio Maria, sottolinea come “sia fondamentale una decisa azione di prevenzione fin dalle scuole elementari.
Bisogna lavorare fin dalla piccola età per una corretta ed adeguata formazione”.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.