Manfredonia
A cura di Pascalonia

U cavezone (cume a ddice: Frecone)


Di:

Ce stéje, appis’a na zoche,
granjéte, nu cavezone:
u vindezzule u move
e jisse tutte ce lla prosce.
Cj’allarje, ce venduleje,
pére a na bbrutta cose:
chi passe scande e preje,
fé mbressjone, bbrutta cere.
E jisse tutte ce lla gode,
ne nge stéje n’atteme ca pose.
E cj’allonghe… e cj’abbotte…
ma forte arrive na bbotte
e atturn’a zoche ndurcegghjeje,
quése quése ce rombe i zibedeje,
Ce ji tande tande nnarjéte
ca nge pote cchjù sbrugghjé
.

Pascalonia

Il “pantalone” (ovvero Frecone)
Ci sta, appeso ad una corda,/ grandiosamente un pantalone./ il venticello (brezzolina) lo smuove/ e lui tutto quanto si inebria./ Si allarga, sventola,/ sembra un brutta cosa,/ fa impressione (paura), brutto ghigno./ E lui tutto se la gode,/ non vi è un attimo che posa./ E si allunga…e si gonfia…/ ma forte arriva un colpo,/ ed attorno la corda s’attorciglia,/ quasi quasi si rompe gli “zibidei”./ Si è talmente arieggiato (fatto pieno di sé),/ che non riesce più a districarsi.

(Rifacimento da P. OGNISSANTI, “U cavezone”, Controre, 1966)

U cavezone (cume a ddice: Frecone) ultima modifica: 2018-01-25T16:02:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This