Edizione n° 5306
/ Edizione n° 5306

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Orrore al “Don Uva”: OPI Foggia prende le distanze dagli infermieri coinvolti

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
25 Gennaio 2023
Foggia //

FOGGIA, 25/01/2023 – (assocarenews) L’OPI di Foggia condanna le brutali violenze e i vergognosi episodi avvenuti a danno degli ospiti della struttura “Don Uva” di Foggia, e prende le distanze dagli infermieri e da tutti gli operatori coinvolti che gettano ombra sul sistema salute di Capitanata.

È sconcertante quanto emerge dall’operazione ‘New Life’ dei carabinieri del Comando provinciale di Foggia e del Gruppo Tutela della Salute di Napoli

Sgomento da quanto emerge dall’operazione presso il “Don Uva” di Foggia. OPI Foggia condanna le brutali violenze e ne prende le distanze. Sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico di 30 dipendenti della struttura accusati, a vario titolo e per differenti profili di responsabilità, dei reati di maltrattamenti aggravati, sequestro di persona, violenza sessuale e favoreggiamento personale.

 

Reati di inaudita gravità

Si tratta di otto infermieri, sedici operatori socio-sanitari e due educatrici professionali dipendenti di Universo Salute, tre operatori sanitari assunti tramite agenzia interinale e un addetto alle pulizie della ditta appaltatrice del servizio. L’OPI di Foggia condanna queste brutali violenze e vergognosi episodi avvenuti a danno degli ospiti della struttura “Don Uva”, e prende le distanze dagli infermieri e da tutti gli operatori coinvolti che gettano ombra sul sistema salute di Capitanata. Confidiamo negli inquirenti che facciano chiarezza nel più breve tempo possibile su questa triste e buia vicenda”. (assocarenews)

2 commenti su "Orrore al “Don Uva”: OPI Foggia prende le distanze dagli infermieri coinvolti"

  1. Che sia fatta giustizia nei più brevi tempi possibile e che i colpevoli vengano puniti con molta severità e non all’acqua di rosa.

  2. Non serve chiarezza ,le immagini parlano da sole .Bisogna applicare soluzioni strutturali quali :telecamere in tutti i posti dove è consentito senza nessuna contrattazione sindacale e ispezioni ha sopresa sia da parte della regione che dalle varie strutture. Troppo comodo costituirsi parte civile dopo . Inoltre aprire tutte le strutture che hanno in cura fragili , bimbi e anziani alla trasparenza coinvolgendo i parenti.

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.