Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PARENTI In carcere il pregiudicato che trattava gli affari con Olivieri

Il 62enne, ritenuto contiguo al clan Parisi, era ai domiciliari e avrebbe potuto ricevere a casa solo parenti

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
25 Aprile 2024
Cronaca // Focus //

Come riporta l’Ansa, era “costantemente impegnato nel tessere relazioni criminali nonostante fosse agli arresti domiciliari” nella sua abitazione del quartiere San Paolo a Bari.

Un uomo che nei mesi scorsi, secondo gli agenti della squadra mobile della questura di Bari, avrebbe ricevuto a casa anche Giacomo Olivieri avvocato ed ex consigliere regionale della Puglia, finito in carcere lo scorso 26 febbraio per voto di scambio politico mafioso nell’inchiesta che ha portato all’arresto di 130 persone considerate vicine al gruppo mafioso Parisi-Palermiti.

In carcere è finito nelle scorse ore Angelo Falco, 62 anni, con un curriculum criminale di tutto rispetto: associazione per delinquere di tipo mafioso, rapina aggravata, sequestro di persona e porto abusivo di armi da fuoco.

Il 62enne, ritenuto contiguo al clan Parisi, era ai domiciliari e avrebbe potuto ricevere a casa solo parenti. Invece, hanno accertato i poliziotti coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari, era solito ospitare esponenti della criminalità organizzata barese.

Nel dettaglio, è stato documentato come in passato, in una circostanza, “Olivieri si sia recato presso l’abitazione del pregiudicato, mentre questi era ai domiciliari, per proporre investimenti finanziari illeciti e fraudolenti”, spiegano gli investigatori. Gli inquirenti hanno così ottenuto la revoca dei domiciliari dal tribunale di sorveglianza riuscendo a “cristallizzare e documentare i comportamenti, profondamente anti-giuridici e improntati alla illegalità, posti in essere” dal 62enne che ora è in carcere a Bari.

© Copyright ANSA

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.