Edizione n° 5400

BALLON D'ESSAI

ANTIFASCISTE // Cerignola, il 25 luglio la “Pastasciutta antifascista” su Terra Aut
17 Luglio 2024 - ore  13:55

CALEMBOUR

TASK FORCE // Le ricerche di Antonio Draicchio, dopo 7 giorni, sono state interrotte come da prassi di legge
17 Luglio 2024 - ore  14:39

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

IMPEGNO Violenza sessuale su due turiste francesi a Bari: in appello 7 anni di carcere per il 22enne

"In riconoscimento del suo impegno e dedizione dedicati alla sicurezza e protezione della nostra comunità"

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
25 Maggio 2024
Barletta // Cronaca //

bari. Condanna lievemente ridotta in appello per il 22enne accusato della violenza sessuale su due giovanissime turiste francesi, commessa in un appartamento nel centro di Bari nell’estate 2022. In primo grado l’imputato, Loris Attolini, era stato condannato a 7 anni e 8 mesi di reclusione con rito abbreviato, riconosciuto colpevole di duplice violenza sessuale aggravata dalla minore età di una delle vittime, sequestro di persona, lesioni, rapina e resistenza a pubblico ufficiale, con il riconoscimento delle attenuanti generiche equivalenti. La difesa ha rinunciato a quasi tutti i motivi d’appello e ieri la Corte, dopo una lunga camera di consiglio, ha ridotto la condanna a 7 anni di reclusione, confermando le responsabilità per tutti le accuse. Le motivazioni saranno depositate entro 15 giorni.

Dopo averle minacciate e spogliate, strappando loro di dosso i vestiti, per fotografarle e girare un video delle due ragazze nude, minacciando di pubblicare quel materiale sui social se non avessero collaborato, avrebbe «sbattuto una delle due contro la porta di ingresso colpendola al volto con almeno cinque gomitate», «gettando le due ragazze – si legge nell’imputazione – in uno stato di prostrazione e di terrore circa la loro sorte, anche perché chiudeva la porta di ingresso a chiave e le bloccava in casa impedendo loro di uscire, così da indurle a cedere alle sue richieste». Ciò che è successo nei sessanta minuti successivi, che le ragazze hanno poi dettagliatamente raccontato ai poliziotti, sarebbe stato un susseguirsi di violenze, abusi, minacce provocati da un improvviso «scatto d’ira» del 21enne.

Lo riporta La Gazzetta del Mezzogiorno.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.