AttualitàScienza e Tecnologia
Un intervento di soli tre minuti

Al Policlinico di Bari impiantato il più piccolo pacemaker al mondo

In Italia i primi impianti sono iniziati nei giorni scorsi e proseguiranno nelle prossime settimane, coinvolgendo 12 aziende ospedaliere e cliniche


Di:

E’ stato impiantato al Policlinico di Bari, dall’équipe diretta dal Dott. Stefano Favale, direttore della Cardiologia Universitaria, il Micra™ Transcatheter Pacing System (TPS), dispositivo  della Medtronic, il pacemaker più piccolo del mondo. E in soli 3 minuti.

Micra Transcatheter Pacing System - Medtronic

Tale pacemaker è più piccolo del 93% rispetto ad un pacemaker convenzionale, non richiede l’impiego di elettrocateteri e viene impiantato mediante una procedura minimamente invasiva direttamente all’interno del cuore.

Nonostante le dimensioni molto ridotte è dotato di una batteria che garantisce una durata media di 10 anni e consente al paziente di sottoporsi a scansioni RMI full-body e alle più avanzate  tecniche di imaging.

Nell’Aprile 2015 Medtronic ha annunciato di aver ricevuto il marchio CE (Conformité Européenne) per il Micra TPS sulla base dei risultati ottenuti dallo studio Micra Transcatheter Pacing Study su 60 pazienti a distanza di tre mesi dall’impianto.

Durante la Annual Scientific Session della Heart Rhythm Society del Maggio scorso sono stati presentati i risultati ottenuti su 140 pazienti di vari profili: tutti gli impianti hanno avuto successo, solo il 5.7% dei pazienti è andato incontro ad eventi avversi (percentuale compatibile con i metodi tradizionali) e non ci sono stati decessi legati alla procedura di impianto.

Questa tecnologia supera le complicazioni a cui si poteva andare incontro impiantando il classico pacemaker in quanto di fatto non richiede un intervento chirurgico vero e proprio e aumenta la qualità di vita dei pazienti dal momento che non mostrano segni visibili della presenza del device.

“Questa è la prima importante innovazione, perché non c’è bisogno di una vera operazione chirurgica – spiega Maurizio Lunati, direttore di Cardiologiadel Niguarda di Milano – l’altra è che questo dispositivo concentra in unica componente quello che nei vecchi dispositivi era diviso in due, ovvero la scatola e i fili”.

In Italia i primi impianti sono iniziati nei giorni scorsi e proseguiranno nelle prossime settimane, coinvolgendo 12 aziende ospedaliere e cliniche nelle città di Bari, Bologna, Brescia, Cotignola, Milano, Pisa, Roma, Torino, Udine. Nel 2014, in Italia, sono stati impiantati circa 89.500 dispositivi cardiaci, di cui, 63.440 pacemaker per la bradicardia.

(A cura di Raffaele Salvemini – raffaele.salvemini@live.it)

Al Policlinico di Bari impiantato il più piccolo pacemaker al mondo ultima modifica: 2015-06-25T20:28:38+00:00 da Raffaele Salvemini



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This