Manfredonia
Nota stampa

Ase: “Sostituzione del mastello per cause non imputabili a operatori aziendali costerà 5 e 4 euro”


Di:

Manfredonia, 25 giugno 2019. In relazione alle innumerevoli istanze pervenute negli ultimi tempi da parte di cittadini/utenti, intese a richiedere la sostituzione di mastelli per la raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” di varia tipologia, a seguito di rottura, danneggiamento, smarrimento, furto, etc., l’Azienda Servizi Ecologici S.p.A di Manfredonia ha ritenuto necessario ancorchè indispensabile, dover meglio disciplinare la materia relativa alla dotazione delle attrezzature.

Nello specifico, per le sostituzioni di mastelli, richieste a causa di smarrimento, furto, danneggiamento e/o rottura non imputabile agli operatori aziendali, verrà richiesto all’utente un contributo economico a parziale copertura delle spese di acquisto sopportate da A.S.E. S.p.A. Pertanto, per doverosa e corretta informazione, A.S.E. S.p.A. avvisa tutti i cittadini/utenti che, a decorrere dal prossimo 1° luglio 2019, la sostituzione dei mastelli avverrà solo ed esclusivamente previo esibizione al personale incaricato, della ricevuta di avvenuto versamento della somma di € 5,00, relativamente a ciascun mastello richiesto da 40 litri e di € 4,00, relativamente a ciascun mastello richiesto da 20/25 litri. A tale scopo, è attivo il conto corrente postale dedicato n. 1046565501 – IBAN IT71W0760115700001046565501, intestato a: Azienda Servizi Ecologici S.p.A. – Manfredonia (Fg). Confidiamo nella massima collaborazione da parte di tutti i cittadini/utenti. Per informazioni e contatti: numero verde 800724590 da telefono fisso o 0884532965 da cellulare. Manfredonia, 25 giugno 2019 L’Amministratore Unico Geom. Francesco Barbone

(fonte: ilsipontino)

Ase: “Sostituzione del mastello per cause non imputabili a operatori aziendali costerà 5 e 4 euro” ultima modifica: 2019-06-25T18:06:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
24

Commenti


  • Di' Totò

    Insomma ,furto su furto. Ma se so gli operatori che spaccano tutto ,poi se soffia vento forte e i mastelli li vai a raccogliere a siponto????, non vedo il perché devo pagarli io.Vedrete che dal primo luglio avremo molti futi di mastelli. Ma fate i seri !!!!!E pensate piuttosto come risolvere il problema.


  • Ficus

    Questa è pura idiozia di chi deliberato ció! Ad esempio il mio mastello è stato rotto dai netturbinibaddetti ma come faccio a dimostrarlo? Con il vento li ritroviamo a decine se mon centinaia di metri investiti dalle auto. Giuro che se mi addebitate il costo del mastello useró le abitudinarie buste di palstica, se li raccogliete è bene altrimenti rimarrano lì. Siate seri all’ASE!


  • Teo

    Gli operatori per favore sono dovuti a mettere i mantelli dove li prendono é Non buttarli ovunque GRAZIE sig. Barbone


  • Pollice Verde

    Questa misura è davvero irrazionale e segno di mancanza di idee. Ovviamente potrebbero addirittura crearsi precedenti giurisprudenziali.
    Inoltre se si inizia a dare un valore economico al mastello in plastica, a pensare male, potrebbe esserci qualche losco individuo che appositamente potrebbe svolgere il ruolo di “rubamastelli” per contribuire alla causa.
    E ancora sono curioso di capire come si pretenderà di accertare la causa della rottura di un mastello, se imputabile o meno all’azione degli operatori.
    La direzione dell’Ase farebbe bene ad attingere alle idee dell’aziende ecologiche più virtuose in Italia piuttosto che inventare espedienti di dubbia realizzazione.
    p.s.: approfitto di questo spazio per segnalare l’operatività alquanto scadente di alcuni operatori che spesso e volentieri nell’azione di raccolta rifiuti (specie di carta e plastica) lasciano svolazzare e cadere ovunque gli stessi senza poi recuperarli, lasciando dunque al loro passaggio una scia di immondizia che stanzia lì per giorni. Per non parlare dell’incuria e negligenza di alcuni cittadini che ancora oggi utilizzano sacchetti in plastica per l’organico gettandolo poi nel mastello apposito, e l’altrettanta noncuranza e mancanza di professionalità degli addetti che li raccolgono ugualmente sversandoli nell’umido come se niente fosse. VERGOGNA!

  • Una soluzione c’è…..se il mastello non c’è….vorrà dire che per strada ci metteremo i sacchetti 🤣

  • Una soluzione ci sarebbe …..se il mastello non c’è….vorrà dire che per strada ci metteremo i sacchetti 🤣


  • Angela

    Sono d’accordo con L’Amministratore Unico Geom. Francesco Barbone che dice che i cittadini devono contribuire, per questo se uno è smemorato e mentre sale le scale o in ascensore smarrisce il mastello è giusto che paghi. Inoltre, dice l’amministratore che il cittadino è responsabile se il mastello gli viene rubato, per risolvere questo problema consiglio a tutti i responsabili dei condomini di analizzare se sia più conveniente contattare un’agenzia di sorveglianza o assicurare il mastello contro furto e incendio.


  • Ma mi faccia il piacere...


  • Pasquino

    Che idea meravigliosa! Solo un novello Pico della Mirandola poteva partorirla. Una certezza posso darla fin da subito che, in caso di rottura o smarrimento di mastello, l’immondizia la riverserò sulla pubblica via, come ai vecchi tempi. Checché ne dica l’AU dell’ASE, per me la colpa, a prescindere, e’ sempre loro. Comunque piuttosto che scrivere puttanate pensassero alla pulizia del paese che fa letteralmente schifo e alla disinfestazione che a tutt’oggi è inefficace.


  • Niko

    E’ vergognoso da parte di questi nuovi padroni DELL’ASE chiedere soldi alla cittadinanza,quando sanno bene che la TARI e’ la più alta di tutta l’Italia.E pantalone paga.E io pago.


  • cittadino

    Questa volta si è sparato troppo in alto…. questa è una tassa aggiuntiva…. come a dire che il pulman VOLA di linea si guasta ed io che ho pagato il biglietto devo pagare un ltro biglietto alla stessa VOLA.
    La sera scendo il mastello sano e la mattina lo trovo vuoto ma rotto…chi è stato ?
    Qui ognuno che ha in mano un po di potere gestionale cerca il cetriolo…..
    Toto’ ….. : “Ma mi faccia il piacere”….


  • Riciclone

    Con la percentuale di differenziata che vendiamo, che a quanto dice barbone si attesta al 65%, non dico che la tari non dovremmo pagarla proprio, ma quasi. Che ne fate dei nostri soldi? Come mai incassate solo € 700.000,00 dalla vendita della differenziata e ne spendete € 2.000.000,00 per raccoglierla e trasportarla a vendere? Se non siete in grado di amministrare, fate un passo indietro, anche se capisco che rinunciare ad € 5000 al mese risulta alquanto difficile. Il rifiuto è una risorsa solo per voi che ci guadagnate.


  • Lettrice

    Forse quelli dell’ase dimenticano che già paghiamo una tassa notevole per un servizio piuttosto scadente. I mastelli sono soggetti ad usura e si rompono spesso anche per il modo in cui sono “scaraventati” a terra proprio dai netturbini. La loro fornitura dovrebbe essere gratuita.


  • Roberto

    Vorrei sapere come funziona se i mastelli vengono danneggiamenti e/o rotti dai vostri operatori???? Grazie


  • luigi

    A Manfredonia qualcuno si è inventato un nuovo “mestiere”, venditore di mastelli usati!!! Caos totale.

  • Perfettamente d’accordo con tutte le critiche e poi aggiungo la circostanza che se è normale fare un bonifico di 5,00 € ed avere una costo ulteriore per le spese di bonifico? Non sarebbe più giusto, eventualmente si arrivi a pagare il mastello, pagare direttamente all’ASE con rilascio di “regolare ricevuta”?


  • Duosiciliano Patriottico

    Ah, e certo!
    Allora, nel mio caso, se non avessi più ritrovato il mio mastello, fortunatamente “rubato” per sbaglio da un’inquilina affetta da Alzheimer del mio condominio, e avessi dovuto chiederne uno sostitutivo, dovevo pagarlo, anche se la colpa non era la mia?
    Che schifo.
    CHE SCHIFO!


  • ciro

    il vento forte di manfredonia in periodi dell’anno fa si che i mastelli vanno a finire in mare e si rompono .oltre agli operatori che sbattono all’aria i mastelli quando ritirano la monnezza in piu lasciano carte e plastica per terra.ora dico al sig borbone prima di far pagare i mastelli rotti perche ‘ non gira con la sua macchina per manfredonia a vedere quanta sporcizia e in giro e uno schifo vergognatevi volete pure i soldi del mastello siete degli incompetendi.


  • Cittadino Manfredoniano

    siamo arrivati alla frutta …….. scelte scellerate …….. e chi lo prende in quel posto sempre il cittadino…. i mie mastelli sono stati rotti proprio dagli operai dell’ase….. come faccio a dimostrarlo….. caro geometra …. dobbiamo pagare una vigilanza che sorvegli di notte chi ruba i mastelli o citare il buon Dio quando ci manda una bufera di vento…… ma cerchiamo di essere seri…


  • Angelo

    ….inoltre bisogna aggiungere la spesa delle nuove assunzioni dovuta a questo modo di fare la “differenziata “🙃🙃


  • Luca

    Abitavo in una città del centro nord 3 anni fa , 150 mq di casa +25 garage + 8 cantina, pagavo 120 euro l’anno, se rompervi un secchio ti veniva subito sostituito e ti davano anche loro le buste biodegradabili e una differenziata che funzionava da favola gli spazzini pochissimi e silenziosi , Manfredonia ho una casa di 80 mq siamo in cinque è pago 500 euro, come è possibile questo?


  • Mnez

    A parte questo sig. Barbone sappiamo tutti che l’ASE come azienda e dovuta a lavare i mastelli. Mi rispondi amministratore ASE GRAZIE


  • Generale Marasco

    Marasco salvaci tu


  • Stufo

    Commissario prefettizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This