Manfredonia
A cura di Michele Apollonio

Manfredonia. Caccia all’abusivismo


Di:

Manfredonia, 25 giugno 2019. FRA le ordinanze emesse dal commissario prefettizio al comune, Vittorio Piscitelli, c’è anche quella riguardante l’occupazione abusiva di suolo pubblico. Un intervento che ha provocato numerosi “vuoti” nelle strade e nelle piazze cittadine dove sono spariti non pochi gazebo, recinti contrassegnati con fioriere, e in ogni caso spazi sottratti alla pubblica fruizione. Un giro di vite cha ha evidenziato non poche anomalie consentite o tollerate prima della venuta del commissario. Un intervento opportuno che oltre a ripristinare la legalità di certe pratiche, comporta sostanziali riflessi fiscali dal momento che l’abusivismo, in quanto tale, rimaneva ignoto all’erario comunale.

IL COMMISSARIO prefettizio ordina che “A carico di chiunque che, per fini di commercio, occupi senza alcun titolo autorizzatorio, rilasciato dal Comune di Manfredonia, il suolo pubblico e quindi, in modo totalmente abusivo o indebito, ovvero occupi seppur munito di autorizzazione in eccedenza rispetto alla superficie in essa contemplata, si proceda all’applicazione delle disposizioni di cui all’art. 20 dci Decreto legislativo del 30 aprile 1992, n. 285 e dell’art. 3. comma16, della Legge n. 94/2009”.

L’ORDINANZA resa nota con pubblico manifesto, annota tutti i provvedimenti previsti dalle normative vigenti, dallo sgombero forzato alle sanzioni pecuniarie, richiamando per la loro applicazione, i responsabili al comune del settore urbanistica e ambiente, servizio demanio e patrimonio e del settore finanza contabilità, tributi.

“IL FENOMENO dell’occupazione sine titulo degli spazi pubblici – rileva il commissario Piscitelli – ha determinato negli ultimi anni un’incontrollata espansione delle attività per fini del commercio, compromettendo, soprattutto nelle ore tardo pomeridiane e serali, l’ordinata e libera fruizione degli spazi pubblici (piazze, marciapiedi e altri spazi pubblici), anche a causa della protrazione verso l’esterno dei locali e in spazi pubblici non autorizzati degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Un fenomeno cha ha assunto – evidenzia – proporzioni tali da compromettere anche la stessa sicurezza pubblica”. Di qui la necessità <di dover effettuare una rivalutazione generale dell’equilibrio, da un lato tra l’interesse pubblico alla massima fruizione del suo territorio e dall’altro lato l’interesse pubblico al suo ordinato sviluppo economico e sociale nell’ambito delle regole della legge”.

REGOLE della legge che evidentemente la civica amministrazione finché è stata al governo, non ha rispettato creando intralci e compromissioni allo sviluppo del territorio come il commissario Piscitelli spiega nella premessa: “Il territorio comunale di Manfredonia ha una particolare valenza culturale e artistica, ambientale, naturalistica: elementi tutti di una tale rilevanza, che la fanno definire a vocazione turistica e culturale: per tali motivi, la garanzia della massima fruizione del territorio, con particolare riferimento agli spazi pubblici, costituisce uno degli obiettivi primari dell’Amministrazione Comunale, ponendosi tale finalità quale elemento qualificante della stessa vivibilità cittadina”.
Michele Apollonio

Manfredonia. Caccia all’abusivismo ultima modifica: 2019-06-25T10:04:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • MaiPiùCettino

    Se fosse davvero così, la precedente amministarzione era garante e protrettice dell’abusivismo.

    Quando la politica era palladina dell’illegalità ….. meditate gente meditate!!!!

    Allora avevano ragione quelli che invocavano il Commissario Prefettizio!!!!

  • SIG .PREFETTO CORTESEMENTE FACCIA ANCHE CHIAREZZA SU QUEI MANUFATTI IN ZONA ACQUA DI CRISTO O MEGLIO DIRE ZONA ASI …
    EVASIONE TOTALE DI SANATORIE OPERE DI URBANIZZAZIONE IMU TA RI
    PARI A CIRCA 800 MILA EURO OLTRE ALL’OCCUPAZIONE ABUSIVA


  • Cico

    Signor Commissario Prefettizio , per me è occupazione di suolo pubblico anche chi non fa parcheggiare le macchine mettendo fuori stenditoi piante bidoni dell’immondizia ecc.ecc.


  • Arrogante

    Si si…. hanno tolto solo le fioriere che delimitavano l’occupazione, ma i tavolini la sera vengono riposizionati.
    Il comune avrebbe dovuto incassare €500.000,00 all’anno dall’occupazione del suolo pubblico ma ne venivano versati solo € 20.000,00.
    Si faceva campagna elettorale, ognuno aveva il “suo politico”.


  • ezio

    IN VIA DELLA CROCE È IMPOSSIBILE CAMMINARE SUI MARCIAPIEDI, FRUTTIVENDOLI AUTORIZZATI LI OCCUPANO CONTINUAMENTE.
    POI CI SONO GLI ABUSIVI: RUCOLA, FICHI, VERDURA, LUMACHE, CIPOLLE, PATATE, ANCHE COZZE E PESCI, E SOPRATTUTTO GLI IGNORANTI E SPROVVEDUTI ACQUIRENTI CHE ANDREBBERO MULTATI.


  • Dany

    A Siponto? Ville, villette, locali e localini?
    E nelle zone dei comparti? Chi contralla le metrature e le relative Imu e tasse comunali…

  • Il mercatino di Monticchio… ha bisogno di una sistemata pazzesca. Lì regna il caod, l’arroganza e il vero abusivismo. Si facciano rispettare le leggi!!!


  • Pasquino

    Certamente il manifesto e’ stato pubblicato per l’occupazione di suolo pubblico, ma chi provvederà alla sua applicazione letterale in ossequio alle norme legislative???? Occorreva prima organizzare il servizio di rilevamento delle infrazioni, perché, a parte poche eccezioni, gli abusivi, continuano ad essere tali.


  • Franco

    Signor Commissario, voglio vedere i vigili per strada a controllare ed elevare contravvenzioni nelle tantissime situazioni di evidente illegalità . Anche questo è un modo per risollevare il bilancio comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This