Edizione n° 5378

BALLON D'ESSAI

PRIMA DONNA // Lidya Colangelo: “Grazie San Severo, sono grata a tutti voi”
25 Giugno 2024 - ore  17:54

CALEMBOUR

FRODE // Cpr Milano: chiesto il processo per 2 persone e una società
25 Giugno 2024 - ore  17:18

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Aghi d’oro”. Truccò atti ASL “per forniture inutili”: nuova condanna per Nazario Di Stefano

AUTORE:
Giuseppe de Filippo
PUBBLICATO IL:
26 Maggio 2023
Manfredonia //

Bari – Con sentenza di recente pubblicazione, la Corte dei Conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia (dott. Pasquale Daddabbo Presidente) definitivamente pronunciando nel giudizio, ha condannato Nazario Di Stefano, nato a San Severo (Fg) il 6 novembre 1962, non costituito, contumace, al pagamento di euro 123.309,60 euro, oltre rivalutazione monetaria e interessi in favore dell’Asl di Foggia.

All’epoca dei fatti in oggetto, l’uomo era dipendente dell’ASL Foggia quale addetto all’area gestione del patrimonio.

I FATTI (focus “Disinfettanti d’oro” – ospedale Manfredonia, articolo del 05.10.2019)

La Procura regionale, con passato atto di citazione, aveva contestato allo stesso Nazario Di Stefano un danno erariale pari allo stesso importo di 123.309,60 euro, corrispondente all’importo degli esborsi sostenuti dall’ASL (…) per beni acquistati e mai consegnati all’ASL di Foggia.

LA SENTENZA INTEGRALE DELLA CORTE DEI CONTI, MAGGIO 2023

4 commenti su "“Aghi d’oro”. Truccò atti ASL “per forniture inutili”: nuova condanna per Nazario Di Stefano"

  1. Oltre alla condanna, rimborso compreso, vanno tolti tutti i diritti maturati, compreso la liquidazione,
    perde tutto come se non avesse mai lavorato, ed è già fortunato se avrà la pensione sociale….il:”ladro sociale, già Pubblico Dipendente al servizio della nazione…” solo la galera meriterebbe unitamente a tutti i suoi compari o meglio “amici di merenda”.

Lascia un commento

In ogni paese c’è una orrenda casa moderna. L’ha progettata un geometra, figlio del sindaco. (Dino Risi)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.