ManfredoniaZapponeta

Dopo incidente, Riontino: niente opere su Corso, a breve autovelox


Di:

Zapponeta – “Il Comune chiama, la Provincia risponde picche.” Infatti, a seguito della tragedia che ha visto vittima la giovane diciottenne di Manfredonia, morta investita da una macchina ad alta velocità per il corso principale di Zapponeta, il Sindaco Riontino ha chiesto e ha subito avuto un incontro con la Provincia (ente competente della strada in questione) che si è tenuto nella mattinata di venerdì.

Il primo cittadino zapponetano ha esposto, ai tecnici provinciali, la pericolosità di Corso Manfredonia. Qui, durante la notte, macchine, tir, camion sfrecciano ad alta velocità. E dunque “l’intervento di opere stradali non è più rinviabile. Abbiamo pensato a varie soluzioni, e tra queste, la soluzione che ha unito i due enti, è stata la creazione di rotonde all’inizio e alla fine del paese – ha dichiarato Giovanni Riontino, che scontento ha continuato: “Ma rimane solo un’idea e una bella proposta perché la Provincia ci ha comunicato che non ha liquidità e non può affrontare nessuna spesa se non il rifacimento della segnaletica stradale. Noi però non ci arrenderemo, ci batteremo fino all’ultimo per vedere realizzata un’opera che è fondamentale e necessaria per la sicurezza e l’incolumità delle persone. Saremo sempre alla porta della Provincia per rientrare negli interventi indispensabili quando le risorse saranno nelle disponibilità dell’ente provinciale. Intanto, ora ci adopereremo nell’espletamento delle pratiche per l’installazione di un autovelox su Corso Manfredonia, con segnaletica luminosa e visiva che ne consegue, cercando già così di distogliere gli automobilisti dal correre e riportando una normalità stradale, che di notte sul nostro corso ormai non si ha più”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Dopo incidente, Riontino: niente opere su Corso, a breve autovelox ultima modifica: 2014-07-26T13:09:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • MezzoZap

    Autovelox? Così (..)… un paio di dossi artificiali qua e la per la strada principale invece?


  • Pietro

    Io non vorrei giudicare la scelta che ha preso ora il Sindaco Riontino, perchè ha fatto una scelta giusta.
    Però vorrei dire una cosa, perchè mettono la sicurezza sulla strada sempre quanto prima ci deve essere qualche vittima?? Come il caso della Ragazza Angelica??


  • Cosimo Marasco.

    Buongiorno,
    concordo pienamente con il Sindaco Riontino, oltre all’autovelox, che è fondamentale, io proporrei dossi a livello di marciapiede, come ci sono al nord (esem. Casalecchio di Reno) (BO), oltre ad esssere utili come strisce pedonali, sono ottimi per far rallentare qualsiasi automezzo. Al Sindaco e alla sua giunta auguro un buon lavoro. Cosimo Marasco.


  • Zapponetano

    Anche se in passato vi era qualche agente di poliz. Municipale a tempo determinato (valido ed esperto) che si occupava di sanzionare i pirati del corso, oggi purtroppo non potendoli assumere ritengo che la soluzione più ovvia e immediata e’ quella dei dossi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This