Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

“Puoi pure morire, non me ne frega niente”: le voci dell’orrore al “Don Uva” di Foggia

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
27 Gennaio 2023
Foggia //

FOGGIA, 27/01/2023 – (lagazzettadelmezzogiorno.it) «Non mi picchiare, ti prego»: «Cammina, vaf… tu devi stare qua quando vengo io, mo’ ti devo attaccare»: e vai con gli schiaffi.

«Mo’ ti devi lavare tu, se no ti spacco la faccia». «Ma che sei convinta che stanno le telecamere?» (eh già…) «io ti do in fronte, t’uccido di mazzate». «Se vieni qua abbuschi». «Fammiti legare, dammi un lenzuolo, fammela attaccare». «Vuoi vedere che ti spacco la mazza in testa?». «Io ti sparo in bocca». «Vattene da qua se no ti infilo il coltello dentro la gola». «Io t’ammazzo». «Ti devo dare con il cuppino (mestolo) in testa fino a quando ti torna la memoria». «Se vengo là ti do una capocciata che ti rompo la testa». «Uccidila, uccidila per favore». «Mo’ ti devo chiudere nella stanza». «Ti butto di sotto». «Pazza da manicomio». «Scema». «Puoi pure morire, non me e frega niente, merda di cristiana».

Sono alcune delle frasi (altre sono impubblicabili) che alcuni infermieri, operatori socio sanitari e educatori del “Don Uva”, la struttura socio sanitaria-riabilitativa di via Lucera, avrebbero rivolto a 25 pazienti, di cui 19 donne, con ritardi mentali. Si è di fronte a un racconto dell’orrore, della violenza, della dignità umana calpestata come sostiene l’accusa nell’inchiesta “New life” sfociata in 30 ordinanze cautelari (7 in carcere, 8 ai domiciliari, 15 interdittive) per maltrattamento, sequestro di persona, violenza sessuale e favoreggiamento. Oppure insulti, ceffoni, strattoni, persone trascinate sono sì eccessivi ma non con l’intenzione di far del male e umiliare i pazienti, quanto piuttosto conseguenza dello stress psico-fisico di chi per carenze di personale doveva occuparsi nel proprio turno da solo o in coppia di gestire 30 degenti con gravi problemi e difficilmente controllabili, come emerge dai primi interrogatori degli indagati. (lagazzettadelmezzogiorno.it)

3 commenti su "“Puoi pure morire, non me ne frega niente”: le voci dell’orrore al “Don Uva” di Foggia"

  1. Siete una massa di ba…di vi prenderei tutti a calci in culo con le scarpe antinfortunistiche. Spero che la legge faccia giustizia.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.