Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

SCUOLA Prof nel Barese mette -1 a uno studente di scuola media: choc per i genitori

Il motivo? Aveva chiacchierato col compagno

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
27 Gennaio 2024
Bari // Cronaca //

BARI – Stava chiacchierando con un suo compagno di classe in una scuola media nel Barese durante la lezione e la professoressa, riprendendolo perchè stava disturbando, gli ha segnato -1 sul registro elettronico.

Secondo la mamma, la cui storia viene raccontata su La Stampa, la prof sul registro non avrebbe aggiunto commenti, non avrebbe chiesto un colloquio alla famiglia e non avrebbe spiegato nulla allo studente.

La notifica del voto arriva alla mamma del ragazzino che a sua volta lo fotografa e lo manda al padre che è fuori città per lavoro.

I genitori si preoccupano, e si chiedono cosa possa essere successo per meritare un voto così basso. “Mai vista una cosa così, non riuscivo davvero a capire – racconta la mamma alla Stampa – ma aspetto che mio figlio rientri a casa per farmi raccontare”.

Cosa è successo

Il ragazzo racconta di esser stato ripreso dalla prof di inglese perché parlava con il vicino di banco. “Gli chiedo se lo stesso voto è stato messo anche al compagno e mi dice di no”.

La mamma lo rimprovera, gli chiede di non disturbare le lezioni, si aspetta una chiamata dalla scuola, ma non arriva.

La famiglia pugliese, si spiega nell’articolo, vuole raccontare la storia a La Stampa non tanto per denunciare l’accaduto ma per invitare a “riflettere su come alcuni comportamenti impattano negativamente sulle vite coinvolte”.

“L’ho tranquillizzato dicendogli che un -1 nella vita può succedere – racconta ancora la mamma – non è la fine del mondo ma deve servire a migliorare, ad imparare, a ripartire rimodulando un comportamento più responsabile e rispettando le regole scolastiche”.

“Se fossi andata a battere i pugni a scuola, io che a casa sono l’adulta di riferimento gli avrei insegnato ad accendere micce, io sono abituata a conciliare, a buttare acqua e non benzina sul fuoco, voglio che per lui sia un monito, che gli serva ad essere resiliente”.

“Sotto lo zero cosa c’è? Il nulla cosmico da attribuire a un ragazzino in crescita?

Neanche pensavo esistesse questo voto”. Quattro giorni dopo la notifica del voto, però, la mamma racconta ancora che ha riaperto il registro e il voto non c’era più.

La vicenda inevitabilmente suscitato un ampio dibattito sulle chat di genitori della scuola con molto commenti poco lusinghieri per la professoressa.

“Dopo la separazione da mio marito – dice ancora la mamma – per noi un inaspettato schiaffo sonoro, ho imparato che non devo complicare il mio microcosmo familiare, ma certamente vorrò sapere le motivazioni che hanno spinto la docente ad assegnare il -1 a mio figlio.

La professoressa ritiene davvero di aver fatto bene il suo lavoro?”

Fonti verificate: quotidianodipuglia.it // //

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.