Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Donato Coco, dalla Ferrari alla Lotus

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
27 Febbraio 2011
Scienza e Tecnologia //

Fonte image : www.rignanonews.com
DALL’ inizio dello scorso anno un nostro conterraneo di Rignano Garganico, Donato Coco, è alla guida del reparto Design della Lotus, leggendaria Factory automobilistica che nel corso degli anni ha collezionato innumerevoli vittorie in Formula 1 e tanta ammirazione da parte degli appassionati di tutto il mondo. Vi approda dopo che, per diversi anni, ha diretto l’analogo reparto alla Ferrari ed alla Citroen, firmando modelli di grande successo come la Xara Picasso e la Ferrari F599XX, il famosissimo prototipo.

Nato nel 1956 a Rignano Garganico, Donato Coco ha studiato Design in Francia, a Besançon, ed in Inghilterra a Londra, finchè non ha vinto un concorso di Design che l’ha portato prima alla Citroen e poi alla casa del Cavallino.

A seguito, poi, di un avvicendamento tipico della Casa di Maranello, Coco ha deciso di unirsi alla Casa Automobilistica fondata da Colin Chapman firmando il restyling delle auto che la Lotus aveva già nei suoi “box”, la Lotus Exige e la Evora. Quest’ultima, in particolare, sembrava già destinata ad una prematura fine del suo ciclo quando Donato Coco ha ritenuto di poterle dare nuova vita: ed ecco che all’ultimo Salone dell’Automobile di Ginevra la nuova versione della Evora ha fatto la sua bella figura, riportando il nome della Lotus agli antichi splendori. E non è tutto! Sono già pronti, usciti dalla sua matita, i progetti per il rinnovo anche degli altri modelli del marchio inglese: la Elisee e la Elan, oltre che due auto nuove di zecca, la Elite e la Eterne. Infine non poteva mancare un nome leggendario nel firmamento della Lotus: la mitica Esprit tornerà con una nuova livrea e con tanti cavalli in più!

L’inizio di questo rinnovamento dovrebbe prendere avvio già verso la fine del 2011, segno che il lavoro del nostro conterraneo sta già producendo i risultati sperati e che il design italiano, l’inconfondibile Made in Italy, riesce ad affascinare anche le conservativissime case inglesi, tanto gelose delle loro ormai centenarie tradizioni.Tuttavia il mercato dell’automobile, sempre più competitivo, non può permettersi di restare legato alle tradizioni. E’ per questo che la Lotus ha accolto come una boccata d’ossigeno l’arrivo del designer italiano: tutto il gruppo è stato rivitalizzato ed ha iniziato a guardare con fiducia al futuro. “Abbiamo anni molto impegnativi davanti a noi -ha dichiarato la Casa Automobilistica- in cui vareremo il nuovo business plan: presto vedrete una gamma tutta nuova ed un impegno ancor maggiore di Lotus Engineering nella consulenza ad aziende terze”.

Ecco come una sola persona, ma dotata di un eccezionale carisma, possa motivare un’intera Azienda. Un carisma quello di Donato Coco che in tanti anni egli ha dimostrato di avere e che ora può essere messo a disposizione di una delle più famose e vincenti Case Automobilistiche di tutti i tempi. Noi suoi conterranei non possiamo che esserne orgogliosi e tifare ancor più per lui e per i suoi successi professionali.Buon lavoro Coco!

anton.mancini@libero.it

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.