Edizione n° 5373

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

ECONOMIA La carta igienica più economica d’Italia si compra a Bari

I dati del ministero delle Imprese: a Bolzano per quattro rotoli si spende circa il doppio che in Puglia

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
27 Maggio 2024
Attualità // Bari //

BARI – La carta igienica, uno dei prodotti di uso quotidiano, ha registrato in Italia un notevole aumento di prezzo, con un incremento medio del 44% negli ultimi tre anni. Questo è quanto emerge dall’analisi del Centro di formazione e ricerca sui consumi (Crc), che ha confrontato i dati attuali con quelli del 2021, basandosi sull’osservatorio Mimit. Nel 2021, una confezione da 4 rotoli di carta igienica costava in media 1,74 euro, mentre oggi il prezzo medio è salito a 2,51 euro.

Il Crc ha evidenziato che Bolzano è la città con i prezzi più alti, dove una confezione da 4 rotoli costa in media 3,40 euro, seguita da Grosseto (3,15 euro), Udine (3,06 euro) e Trento (3,03 euro). Al contrario, Siracusa è la provincia più economica con un prezzo medio di 1,77 euro, seguita da Bari (1,81 euro) e Mantova (1,87 euro). L’analisi del periodo tra il 2021 e il 2024 mostra che i rincari più significativi si sono verificati a Grosseto e Ferrara, con aumenti superiori all’89%, seguiti da Bolzano, Udine e Livorno con incrementi dell’85%. Le province con i rincari minori sono state Messina (+14,5%), Bari (+15,3%) e Vercelli (+17,3%).

“Il mercato della carta igienica in Italia vale circa 1,2 miliardi di euro all’anno,” afferma Furio Truzzi, presidente del comitato scientifico del Crc. “Durante la pandemia, questo prodotto fu tra i primi a sparire dagli scaffali, con i consumatori che ne acquistarono grandi quantità. I recenti rincari sono attribuibili a diversi fattori: innanzitutto la crisi delle materie prime, accentuata dalla guerra in Ucraina, che ha ridotto drasticamente le importazioni di legno dalla Russia, essenziale per la produzione della cellulosa. Questo ha fatto aumentare del 68% le quotazioni internazionali della fibra corta a gennaio, rispetto ai livelli precedenti. Inoltre, i maggiori costi di produzione dovuti all’aumento dei prezzi dell’energia hanno ulteriormente contribuito al rialzo dei prezzi.”

Lo riporta Lagazzettadelmezzogiorno.it

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.