CronacaStato news

Goletta Verde: valorizzare Margherita per un turismo green


Di:

Margherita di Savoia – Una maggiore tutela e valorizzazione per la Salina di Margherita di Savoia, la più grande d’Italia e una delle più vaste dell’intero bacino mediterraneo, il cui valore è stato negli ultimi anni ulteriormente rafforzato dalla presenza del fenicottero rosa, e avviare così un turismo responsabile e sostenibile.

È la richiesta che arriva da Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente che da 29 anni naviga a difesa dei mari e delle coste italiane, in rada questo pomeriggio a Margherita di Savoia per la promozione dell’incontro “Zona umida e salina: un’opportunità per Margherita di Savoia”, in programma alle ore 18 al Centro visita Atisale, in via Africa Orientale. Una tavola a cui prenderanno parte Paolo Marrano, sindaco Margherita di Savoia; Ruggero Ronzulli, presidente Circolo Legambiente Margherita di Savoia; Francesco Ventola, presidente Provincia BT; Ciro Zeno, responsabile Ambiente Atisale; Sebastiano Venneri, responsabile Mare Legambiente Nazionale; Antonio Capacchione, presidente SIB Puglia; Ruggero Matera, comandante Corpo Forestale dello Stato Margherita di Savoia. Coordina i lavori Francesco Tarantini, presidente Legambiente Puglia.

“Valorizzare e tutelare l’area delle Saline è un passo imprescindibile da compiere non solo per la tutela della preziosa biodiversità di questi luoghima anche per lanciare una concreta opportunità per lo sviluppo economico e sostenibile del territorio – dichiara Sebastiano Venneri, responsabile Mare di Legambiente -.Si tratta di un percorso già tracciato da molte località italiane ed internazionali che hanno beneficiato del loro impegno ambientale favorendo il cosiddetto “turismo green” che, unito ad una gestione moderna e consapevole del territorio, ha portato a nuovi posti di lavoro e nuove attività.Un modo nuovo di immaginare lo sviluppo che l’amministrazione comunale di Margherita di Savoia non solo deve far proprio ma che deve essere in cima all’agenda politica locale. È questa la chiave di volta non solo per garantire una maggiore tutela di ambienti unici e straordinari di quest’area, ma anche la risposta giusta alla domanda crescente di un turismo sostenibile e di qualità”.

La Salina di Margherita di Savoia si estende su una superficie totale di circa 4500 ettari parallelamente alla costa adriatica, su una fascia lunga 20 chilometri e larga 4. È inserita nel Sito di Importanza Comunitaria “Zone Umide della Capitanata” e costituisce anche una delle più grandi Wetlands d’Italia, sottoposta a vincolo di tutela in virtù della Convenzione di Ramsar (1971) con la quale vengono identificate in tutto il mondo le Zone Umided’Importanza Internazionale habitat di uccelli acquatici. La Zona Umida della città salinara, infatti, annovera circa 100 specie di uccelli diverse fra stanziali e svernanti, e annualmente raggiunge una popolazione di circa 40mila esemplari.

Redazione Stato

Goletta Verde: valorizzare Margherita per un turismo green ultima modifica: 2014-07-27T19:10:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This