Manfredonia

Manfredonia, Sacra Famiglia, “dentro la Messa, fuori traffico in tilt ogni domenica”


Di:

Manfredonia – “GENTILE Redazione di Statoquotidiano; per l’angolo del cittadino, volevo segnalarvi l’ennesima domenica da traffico in tilt nei pressi della Chiesa Sacra Famiglia. Auto parcheggiate in divieto di fermata in Via Canne e Via dei Gelsi che costringono a circolare a senso alternato, causa lo spazio esiguo di manovra.

A tutto questo che, ripeto, si verifica ogni domenica dell’anno (durante le messe di mattina e pomeriggio) c’è da aggiungere che la circolazione all’incrocio Via dei Mandorli-Via dei Gelsi è più che critica data la presenza di lavori in corso al centro della carreggiata. Indescrivibile, ma facilmente immaginabile, quindi la situazione durante l’acquazzone del pomeriggio. Auto letteralmente bloccate fino a Via di Parco Pellegrino e Ponte Caduti Nassiriya. Assurdo. Davvero senza parole. Ogni domenica. Rispetto per la funzione religiosa ma così non si può andare avanti. Cortesemente qualcuno può intervenire?” (cittadino a Statoquotidiano).

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, Sacra Famiglia, “dentro la Messa, fuori traffico in tilt ogni domenica” ultima modifica: 2014-07-27T20:01:13+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Matteo Andrea Gramazio

    Tutta colpa del prete Rockstar Don Michele! 😀


  • Mattesco Venezia

    mi sembrava una chiesa piccola. Tante auto significa tante persone e quindi la messa viene celebrata all’esterno della chiesa?


  • Domenico

    La gente crede che andando in chiesa ha diritto di fare quello che gli pare anche perché i vigili a Manfredonia sono una cosa eterea!


  • pina

    gentilissimo sig. Matteo evitiamo commenti ironici e sciocchi perché la colpa è solo nostra che dobbiamo a tutti i costi parcheggiare davanti alla porta della chiesa o comunque il più vicino possibile…. Infatti tutto ciò avviene anche davanti la chiesa Spirito Santo e soprattutto il sabato su via della Croce dove pur di sostare davanti a Nella il pastificio o davanti al panificio San Pio le auto sostano in doppia fila creando disagi alla circolazione.


  • il pungicatore

    gente che per rispettare i 10 comandamenti non rispetta il divieto di sosta.


  • zoover

    Assurdo! Di solito una parrocchia è frequentata dai fedeli del quartiere circostante.. E (forse ipoteticamente qualcuno non identificabile,ndr) non ha la forza di andare a piedi.. (…)


  • FildeNer

    Noto con molto piacere che parecchi, con sarcasmo o meno, hanno colto il sunto della faccenda: con la parrocchia a due passi si va in auto in chiesa per dire i “padre nostro”, mettersi la coscienza apposto e poter poi fare ciò che si vuole per il resto della settimana, compreso non rispettare le più basilari regole di convivenza civile… Ahhh, che paese di bigotti benpensanti pronti a mettersi il vestito buono la domenica e andare in chiesa per poi andare al ristorante a pranzare!


  • Francesco...uno dei tanti !!

    Come credente, non credo sia generoso da parte di alcuni muovere illazioni e battute fuori luogo sulla parrocchia Sacra Famiglia e sul suo prete ” Don Michele ” il quale occorrerebbe inventarlo sé non ci fosse !!! Don Michele ti vogliamo bene !!!!!!!!!
    Invece di stare a criticare iniziamo a collaborare tutti con la chiesa e con lo stesso parroco. Iniziando a comportarci da persone e da credenti collaborativi e intelligenti e mettiamo le auto negli spazi esistenti e in regola con il codice della strada….e già questo basterebbe e sé poi ci vogliamo mettere pure una buona preghiera per chi non si comporta in maniera civile…..la festa e la gioia di ascoltare messa in santa pace è…servita !!!


  • maria

    Per quanto mi riguarda volevo puntualizzare che non tutti abitano nei pressi della chiesa ma c’è chi,come me,abita a 4 km e certo che a piedi sarebbe un pò difficile…………….GRAZIE don Michele!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This