CulturaStato news

Viviane Elisabeth Fauville – J.Deck, 2014


Di:

Bologna/Manfredonia – Questo romanzo ha fatto molto discutere in Francia dopo la sua pubblicazione, nel 2012, per gli argomenti trattati e per come sono affrontati. Un vero caso editoriale, che ha scavalcato i confini nazionali ed è arrivato adesso in Italia, pubblicato da Adelphi, accolto favorevolmente dalla critica.

VIVIANE ÉLISABETH FAUVILLE. Viviane Élisabeth Fauville è una quarantenne borghese in piena crisi: abbandonata dal marito per una donna molto più giovane, precipita in una cupa depressione dalla quale non riesce a riemergere, nonostante una lunga terapia psicologica. Viviane è la responsabile della comunicazione della Bétons Biron, una nota azienda di costruzioni, e vive sola con la figlia di pochi mesi. Un giorno avviene un episodio inaspettato e determinante: Viviane uccide il suo psicoanalista.

ANALISI. “Viviane Élisabeth Fauville” è un’opera prima che ha suscitato molto interesse e scatenato dibattiti in Francia, principalmente perché mette in discussione l’utilità e l’importanza della psicoanalisi. La trama è infatti incentrata sull’omicidio di uno psicoanalista, e su questo episodio l’autrice costruisce la sua teoria, condivisibile o meno, ma che comunque è il suo contributo alla discussione sull’argomento. Su questo non si può aggiungere altro perché altrimenti si svelerebbero particolari importanti della storia. Altra particolarità del romanzo è la scrittura: si passa dalla prima alla seconda e terza persona singolare, in un continuo cambio di prospettiva che può disorientare il lettore ma che risulta funzionale al racconto, anche perché alla fine la protagonista assoluta diventa la nevrosi della donna. Espediente che serve all’autrice per prendere distanza dal suo personaggio principale. Julia Deck ha come riferimenti dichiarati Samuel Beckett e Delitto e castigo di Dostoevskij. La traduzione è di Lorenza Di Lella e Giuseppe Girimonti Greco.

L’AUTRICE. Julia Deck è nata a Parigi nel 1974. Dopo aver effettuato studi letterari alla Sorbona, s’è trasferita a New York, dove lavora per alcune case editrici. Dal 2005 si dedica interamente alla scrittura. “Viviane Élisabeth Fauville” è il suo primo libro.

Il giudizio di Carmine
Julia Deck
VIVIANE ÉLISABETH FAUVILLE
2014, Adelphi
Valutazione: 4/5

Ph: referentiel.nouvelobs.com

(A cura di Carmine TotaroRedazione Statoquotidiano@riproduzioneriservata

Viviane Elisabeth Fauville – J.Deck, 2014 ultima modifica: 2014-07-27T16:06:09+00:00 da Carmine Totaro



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This