Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PROCEDURE Smart working, dal 1° aprile cambiano le regole: ecco cosa succede

Scadono le procedure semplificate per i lavoratori fragili e coloro con figli sotto i 14 anni

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
28 Marzo 2024
Cronaca // Focus //

TGCOM. Addio al regime emergenziale: dal primo aprile sullo smart working cambia tutto.

Fallito il tentativo di prorogarlo tramite il Milleproroghe, i lavoratori fragili e coloro che hanno figli sotto i 14 anni non potranno più godere del lavoro agile. Un ritorno alla normalità più volte ribadito come priorità dal governo Meloni.

Cosa cambia per i privati

Fino al 31 marzo lo smart working semplificato poteva essere richiesto da dipendenti del settore privato con figli under 14 a patto che, nel nucleo familiare, non fosse presente un altro genitore non lavoratore o che benefici di strumenti di sostegno al reddito riconosciuti in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa.

Oppure da lavoratori fragili con apposita certificazione medica per dimostrare la maggiore esposizione ai rischi da Covid. Con il venir meno di qualsiasi criterio di priorità nell’accesso al lavoro agile per queste categorie di lavoratori e lavoratrici tornerà a essere centrale l’accordo tra datore di lavoro e dipendente.

L’accordo, quali modalità?

Per poter continuare, quindi, a usufruire dello smart working, dopo aver negoziato l’accordo con il datore di lavoro, come previsto dall’art. 19 della legge n. 81/2017, quest’ultimo dovrà effettuare le comunicazioni telematiche necessarie per attivarlo. In caso di ritardi si rischiano sanzioni amministrative che potrebbero arrivare fino a 500 euro.

Le regole per la Pubblica Amministrazione

Nella P.A., conclusa la parentesi del diritto al lavoro agile per i fragile il 31 dicembre scorso, restano valide le misure previste dalla direttiva siglata dal ministro Paolo Zangrillo il 29 dicembre 2023: in base a questo provvedimento il dirigente responsabile, nell’ambito dell’organizzazione di ciascuna amministrazione, può “individuare le misure organizzative necessarie, attraverso gli accordi individuali per la salvaguardia dei soggetti più esposti a situazioni di rischio per la salute” attraverso lo svolgimento della prestazione in modalità agile. Cambia quindi il paradigma, non c’è più un diritto del lavoratore agile a godere di una condizione particolare, ma si crea un dovere per i dirigenti di adoperarsi affinché ci siano le misure più adeguate a garantire la protezione del dipendente. Al centro di ogni decisione resta però la necessità di considerare l’impatto che il lavoro agile ha sia sulla qualità che sulla continuità del servizio pubblico.

fonte https://www.tgcom24.mediaset.it/economia/smart-working-dal-1-aprile-cambiano-le-regole-ecco-cosa-succede_79789571-202402k.shtml?wtk=chat.whatsapp

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.