Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Valditara annuncia lavori socialmente utili per gli studenti sospesi

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
28 Giugno 2023
Cronaca // Scuola e Giovani //

ROMA – “Io non credo nella sospensione così come concepita oggi. Lasciare a casa da solo un ragazzo che si è comportato male in classe lo danneggia. Invece questo ragazzo ha bisogno di più scuole, di più impegno, ha bisogno anche di lavori socialmente utili, ha bisogno di rendersi conto che è inserito in una comunità e che la cultura del rispetto è una cultura fondamentale. Ha bisogno, insomma, di essere responsabilizzato con più studio e lavori a favore della Comunità”. Lo ha detto questa mattina il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, intervenendo alla trasmissione di Canale 5 ‘Morning News’.

LE RIFORME SCOLASTICHE

Il ministro ha anticipato che oggi verranno annunciate “alcune riforme proprio sul tema del bullismo, della condotta, delle sospensioni, annunceremo una serie di provvedimenti abbastanza efficaci per ridare quella serenità e quella responsabilità che sono dei principi cardine per una scuola in linea con i valori della nostra Costituzione”, ha detto. In merito alle sospensioni il ministro ha ribadito che secondo lui non ha senso lasciare a casa lo studente per qualche giorno ma è importante responsabilizzarlo impegnandolo con lavori socialmente utili.

 

Il ministro dell’istruzione e del merito Giuseppe Valditara partecipa all’evento “Futuro Direzione Nord – Mete raggiungibili, obiettivi sostenibili” al Palazzo delle Stelline a Milano, 26 giugno 2023.ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

“Li ho definiti ‘attività di cittadinanza solidale’ cioè il concetto di solidarietà nei confronti degli altri che è il presupposto della cultura del rispetto e che passa dal ridare centralità alla figura del docente ma anche una cultura che voglia rispettare la persona dello studente perché spesso e volentieri il bullismo si esercita nei confronti del compagno più fragile e più debole. Vogliamo difendere i ragazzi che sono oggetto di questi fenomeni di violenza e prepotenza, così come vogliamo difendere le istituzioni“, ha continuato Valditara.

 

LA DIFESA DEI PROFESSORI

Per quanto riguarda poi la difesa dei professori verso i quali si rivolgono le azioni violenti degli studenti. “Abbiamo già adottato due misure importanti– ha ricordato il ministro- la difesa legale da parte dell’Avvocatura dello Stato per il personale della scuola che dovesse essere aggredito (già 9 docenti l’hanno chiesta); e nei casi gravi lo Stato si costituirà parte civile. L’aggressore del docente non solo dovrà rispondere verso l’aggredito ma dovrà rispondere per danno d’immagine anche nei confronti dello Stato, quindi una sanzione economica sicuramente molto efficace”.

 

Il coltello e la pistola giocattolo trovate allo studente di 16 anni che ha aggredito, ferendola, una professoressa ad Abbiategrasso (Milano), in una foto diffusa il 29 maggio 2023. ANSA/ UFFICO STAMPA CARABINIERI ++HO – NO SALES EDITORIAL USE ONLY +NPK+

 

“Dobbiamo affermare la cultura del rispetto nelle nostre scuole, una cultura che va di pari passo col ridare autorevolezza ai docenti- ha concluso Valditara- Da qui l’esigenza che la condotta degli studenti venga presa in considerazione.

 

Questo ha ispirato la mia decisione di mandare gli ispettori a Rovigo e la loro ispezione ha accertato come la valutazione fosse stata fatta con riferimento solo al secondo quadrimestre quando invece le norme stabiliscono che ci deve essere una valutazione complessiva riferita a tutto l’anno scolastico”. L’istituto ‘Viola Marchesini’ di Rovigo ha rivisto il voto di condotta (9) dei due studenti che spararono alla docente con pallini di gomma.

Lo riporta l’agenzia DIRE www.dire.it

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.