Un testo dedicato al ferroviere residente a Manfredonia

Il 28 luglio 1974 il primo album di Rino Gaetano, anche ‘Agapito Malteni’


Di:

Roma/Manfredonia – 28 luglio 1974 – 28 luglio 2014: esattamente 40 anni fa la pubblicazione del primo album di Rino GaetanoIngresso libero“: l’album segue la pubblicazione di alcuni mesi del primo singolo del cantautore romano, I love you Marianna, inciso con lo pseudonimo di Kammamuri’s: è quindi il primo lavoro firmato con il nome dell’autore.

È l’unico degli album di Gaetano a non prendere il nome dalla prima traccia, né da nessun’altra: tuttavia il brano di apertura fu pubblicato come singolo. La copertina originale si apre in due falde contenenti i testi e due foto in blu e nero.

I diritti sono stati acquisiti dalla BMG che ha effettuato la ristampa di questo disco su cd nel 1994. L’album contiene la canzone “Ad esempio a me piace il sud”, incisa inizialmente da Nicola Di Bari per Canzonissima. AD 4000 DC suggerisce una datazione ridondante dove vengono indicati sia AD (Anno Domini), sia DC (dopo Cristo), che hanno lo stesso significato.

A Khatmandu richiama all’uso delle droghe leggere e ai vari effetti allucinogeni. Agapito Malteni il ferroviere (residente a Manfredonia) è liberamente ispirata a La locomotiva di Francesco Guccini, di cui riprende in parte l’idea (quella di un uomo che vuole dirottare un treno per protesta). I tuoi occhi sono pieni di sale è composta da una serie di strofe dove cambia solamente la relazione tra il soggetto del titolo (parti anatomiche di una persona femminile), e il verbo che chiude la frase (“di quel sale che a pensarci viene voglia di…”). Altre strofe, poi non incluse nel brano, erano state pensate per questa canzone, con il medesimo stile poetico.

L’operaio della Fiat «La 1100» richiama i tempi dell’autunno caldo e della contestazione operaia, racconta di un impiegato dell’azienda torinese il quale, pronto per un fine settimana di svago, si trova la sua macchina bruciata da ignoti. Tu, forse non essenzialmente tu, che parla della relazione tra Rino Gaetano e il suo grande amico Bruno Franceschelli.

Testi e musiche di Rino Gaetano.
Tu, forse non essenzialmente tu – 3:35
Ad esempio a me piace il sud – 4:12
A.D. 4000 d.C. – 3:40
A Khatmandu – 2:52
Supponiamo un amore – 3:40
E la vecchia salta con l’asta – 3:31
Agapito Malteni il ferroviere – 2:49
I tuoi occhi sono pieni di sale – 2:52
L’operaio della Fiat (la 1100) – 2:49

IL TESTO DELLA CANZONE
Agapito Malteni il ferroviere

Agapito Malteni era un ferroviere
viveva a Manfredonia giù nel Tavoliere
buona educazione di spirito cristiano
ed un locomotore sotto mano
Di buona famiglia giovane e sposato
negli occhi si leggeva : molto complessato
faceva quel mestiere forse per l’amore
di viaggiare sul locomotore
Seppure complessato il cuore gli piangeva
quando la sua gente andarsene vedeva
perché la gente scappa ancora non capiva
Dall’alto della sua locomotiva
La gente che abbandona spesso il suo paesello
lasciando la sua falce in cambio di un martello
ricorda nei suoi occhi nel suo cuore errante
il misero guadagno di un bracciante
Una tarda sera partì da torre a mare
doveva andare a Roma e dopo ritornare
pensò di non partire o pure senza fretta
di lasciare il treno a Barletta
Svelò il suo grande piano all’altro macchinista
buono come lui ma meno utopista
parlò delle città di genti emigrate
a Gorgonzola oppure a Vimercate
E l’altro macchinista capì il suo compagno
felice e soddisfatto del proprio guadagno
e con le parole cercava di calmarlo
fu una mano ad addormentarlo.

RINO GAETANO A MANFREDONIA – CLAUDIO CASTRIOTTA

VIDEO

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato)

Il 28 luglio 1974 il primo album di Rino Gaetano, anche ‘Agapito Malteni’ ultima modifica: 2014-07-28T20:00:27+00:00 da Claudio Castriotta



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This