Regione-TerritorioStato prima
Decisione della Corte d'Appello di Milano

Fede assolto, da Berlusconi “soldi leciti”

Per la Corte, presieduta da Giuseppe Ondei, non c'è la prova che Fede, assistito dagli avvocati Gustavo Pansini e Giuseppe Toraldo, sapesse che all'epoca Mora era un "imprenditore individuale"


Di:

(ANSA) – MILANO, 28 AGO – I “prestiti” di Silvio Berlusconi a favore di Lele Mora “erano di per sé del tutto leciti” e “la circostanza” che una parte di quei soldi sia stata girata dall’ex talent scout a Emilio Fede, “come corrispettivo per la sua intercessione” con l’ex premier “o per altri motivi”, è penalmente irrilevante.

Lo scrive la Corte d’Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui a maggio ha assolto l’ex direttore del Tg4, ribaltando così la condanna di primo grado a 3 anni e mezzo di carcere, dall’accusa di bancarotta fraudolenta in concorso con Lele Mora (ha già patteggiato) in relazione al fallimento della Lm Management di Mora.

Per la Corte, presieduta da Giuseppe Ondei, non c’è la prova che Fede, assistito dagli avvocati Gustavo Pansini e Giuseppe Toraldo, sapesse che all’epoca Mora era un “imprenditore individuale”. Il giornalista era imputato per una presunta distrazione di 1,1 milioni di euro dei 2 milioni e 750 mila versati nel 2010 da Berlusconi e destinati a salvare la società di Mora.

Fede assolto, da Berlusconi “soldi leciti” ultima modifica: 2018-08-28T18:52:15+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This