Foggia

Apricena, no rinnovo contratto, sciopero nelle cave


Di:

Settore lapideo, contratto scaduto da 18 mesi, sciopero sindacati in Capitanata (statoquotidiano)

Foggia – MANCATO rinnovo contratto provinciale settore lapideo, Feneal-Filca-Fillea proclamano giornata di sciopero Una partecipata assemblea dei lavoratori del settore lapideo svoltasi ieri ad Apricena ha dato mandato alle segreterie provinciali di Fenela Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil di indire un´intera giornata di sciopero del comparto per la giornata di martedì 29 ottobre. Nel giorno della mobilitazione le maestranze terranno con un sit-in dalle 7 alle 16 sulla strada di accesso alle cave, all´incrocio della strada provinciale 37, presso Cava Pizzicoli.

Una vertenza che viene da lontano e che interessa oltre 1.500 lavoratori, in attesa da due anni del rinnovo del contratto provinciale scaduto a dicembre 2011. “La nostra piattaforma – spiegano i segretari generale di Fenela, Filca e Fillea di Capitanata, Alessandro Scarpiello, Urbano Falcone e Giovanni Tarantella – l´abbiamo presentata ben 18 mesi fa. Le nostre proposte guardano alla crescita del settore, insistono sull´aspetto salariale ma non solo. Innovazione, sviluppo tecnologico, crescita dimensione, qualificazione professionale, sicurezza e sostenibilità ambientale, sono aspetti che non capiamo come non interessino le associazioni di categoria, le imprese stesse. E´ una strada quasi obbligata per rafforzarsi sul mercato, per competere su una dimensione internazionale. E invece siamo stati totalmente ignorati, nonostante richiami alle istituzioni e proteste, la trattativa non è mai partita”.

Ci tengono, i sindacati, a sgomberare il campo dal eventuali fraintendimenti: “Qui l´argomento crisi proprio non interviene. Non c´è nessuna scusante se è vero che il comparto marmifero provinciale che ad Apricena ha il suo cuore produttivo segna indici di export crescenti, così come i lavoratori stanno facendo la loro parte e la produttività registra un aumento del 26 per cento. Una miopia, quella delle imprese nel negare un confronto sul contratto provinciale, che ci fa porre domande su quanto questo management e questi imprenditori saranno capaci di rafforzare e stabilizzare le loro posizioni nel mercato, di reggere le sfide di una competizione internazionale. Prevale ancora un forte individualismo, l´incapacità di perseguire logiche di sistema e di chiusura della filiera, per tenere sul territorio il valore aggiunto della lavorazione che per larga parte finisce fuori provincia”

A nulla è valsa anche l´ultima mediazione tentata dal commissario prefettizio del Comune di Apricena, la dottoressa Daniela Aponte, “alla quale va il nostro sentito ringraziamento – concludono Scarpiello, Falcone e Tarantella – per l´impegno profuso, che ad oggi non ha però dato alcun riscontro dalla nostra controparte”. Questa giornata di sciopero, decisa dai lavoratori nell´Assemblea plenaria se non produrrà la convocazione e l´apertura del tavolo negoziale vedrà i lavoratori unitamente alle Segreterie di Feneal, Filca e Fillea pronti ad ulteriori forme di protesta e mobilitazione.

Redazione Stato

Apricena, no rinnovo contratto, sciopero nelle cave ultima modifica: 2013-10-28T22:12:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This