Foggia

Scadenza esercizio provvisorio AMICA, interrogazione Lonigro


Di:

Lonigro (st)

Foggia – UNA richiesta di audizione urgente sulla grave situazione legata ai risvolti occupazionali ed organizzativi derivanti dal fallimento dell’azienda di raccolta dei rifiuti urbani del capoluogo dauno, Amica spa di Foggia, è stata presentata al Presidente della commissione lavoro del Consiglio regionale dai consiglieri Leo Di Gioia, Pino Lonigro, Francesco Damone, Dino Marino.

“Abbiamo chiesto una discussione ampia – commentano Lonigro e Di Gioia – per ascoltare la proprietà dell’azienda, la curatela fallimentare, i rappresentanti sindacali dei lavoratori e, contestualmente, gli assessori al Welfare e all’Ambiente della Regione Puglia. L’azienda Amica e le sue derivate stanno vivendo un momento davvero difficile, che si ripercuote sulla qualità della vita dell’intera città. Auspichiamo che vengano adottate le soluzioni più idonee entro il 15 dicembre, data di scadenza dell’esercizio provvisorio, al fine di scongiurare un danno notevole alla città di Foggia e la perdita di centinaia di posti di lavoro e ingiuste ricadute su altrettante famiglie. Foggia – concludono i consiglieri proponenti – ha diritto a un adeguato servizio di raccolta dei rifiuti, che restituisca la città ad una migliore vivibilità”.


SEL.
Attraverso una nota, il Gruppo consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà “rivendica con forza il ruolo centrale di mediazione tra l’Amministrazione comunale di Foggia e le Organizzazioni sindacali”. “Un ruolo che ha portato all’approvazione della delibera d’intenti che ha sancito la necessità d’individuare nell’affidamento in house la strategia prioritaria da perseguire dopo l’affidamento temporaneo ad AMIU di Bari. Il gruppo consiliare di SEL, al contempo, consapevole della necessità di fornire alla città un servizio efficiente, qualificato e produttivo, si auspica che l’accordo tra i lavoratori di Amica e Dauniambiente e la società AMIU di Bari venga sancito nell’ottica di una razionalizzazione dei costi ma anche del rispetto delle diverse categorie di lavoratori”.


“Non si può pensare che coloro che svolgono mansioni riconducibili ad un secondo livello, quelli che materialmente si sporcano le mani nella raccolta e nella pulizia delle strade cittadine, possano subire lo stesso taglio di coloro che svolgono funzioni dirigenziali. Un indirizzo di responsabilità sociale che aiuti tutto il personale a comprendere la necessità di una diversa e più funzionale gestione del servizio”. Così in una nota Michele Sisbarra e Leonardo De Santis.


Redazione Stato

Scadenza esercizio provvisorio AMICA, interrogazione Lonigro ultima modifica: 2012-11-28T17:35:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This