Editoriali

Ilva. E’ solo un passo avanti


Di:

Il cielo di Taranto (dorsogna.blogspot.com)

Taranto – CHE la legge regionale antidiossina sia stato un passo avanti ( Focus ) per la regione Puglia per incidere nel controllo delle emissioni inquinanti, delle sole diossine, non vi è dubbio; ma da qui a dire che l’industria pesante è diventata ormai ecocompatibile e conseguentemente accettabile per un progetto di sviluppo futuro sostenibile a favore delle nuove generazioni ce ne passa! Accade che a Taranto vengono diagnosticati tumori devastanti ed inusuali proprio per l’età in cui si manifestano, come quello da me conosciuto di una ragazza di poco più di 30 anni, che abita ai Tamburi, ammalatasi di una grave forma di mieloma, che scientificamente si riscontra quasi esclusivamente nella terza età. Accade che, sebbene anche il fratello abbia manifestato tale malattia morendo a soli 48 anni, posso permettermi di affermare che non si può certo parlare di famigliarità della malattia visto e considerato che i relativi genitori sono vivi e vegeti. Accade, quindi, che il nocciolo della questione risiede nel fatto che i suddetti ragazzi sono nati sotto le ciminiere della grande industria, come per buona parte degli abitanti dei Tamburi, e che la genetica se costantemente insidiata dagli inquinanti di cui l’ambiente è intriso manifesta il cosiddetto danno genotossico.

Non mi si dica che la diossina è drasticamente calata, quando per bocca di tecnici dell’ARPA apprendiamo che il rilevamento sulle ciminiere si verifica quando gli impianti sono in minor produzione. Ecco perché chiedo di fare i rilievi quando gli impianti, come si può notare in reiterate notti, soprattutto nei week end e prefestivi, lavorano a pieno regime, come del resto suggerito nella mia proposta di legge sanitaria“Prevenzione della incidenza di tumori da inquinanti industriali”, presentata l’anno scorso e fino ad oggi mai discussa in regione; e preciso che i risultati di cui si discute sono riferiti alle sole diossine, mentre vorrei proprio sapere gli ulteriori inquinanti dove finiscono oltre che nell’aria.

Reputo che se si crede alle affermazioni di ridotto inquinamento si deve avere il coraggio di dire che si può riprendere la produzione di mitili nel primo seno del Mar Piccolo, altrimenti è un controsenso dire che c’è una forte riduzione delle emissioni e dall’altro dire che i mitili non si possono coltivare per eccesso di diossina; come lo spieghiamo altrimenti alla gente che il risultato stride con l’attualità delle cose? Se la grande industria creasse uno sviluppo reale con economia in progressione e con prospettive di lavoro variegato per i giovani, forse il ‘rischio di ammalarsi’ avrebbe un senso, non etico, non logico, a mio parere non giustificabile, eppure risponderebbe, come mi dicono taluni personaggi eruditi, a delle leggi economiche, ma così non è! Infatti, assistiamo ad un progressivo impoverimento e perdita di possibilità di lavoro e sviluppo per molti altri settori e comparti produttivi. Sarebbe meglio se il Presidente della Puglia iniziasse a prestare più attenzione alla economia reale di questa provincia ionica, rappresentata: da un agroalimentare ormai in crisi, anche per merito della grande industria, dalla zootecnia ormai inesistente per via dell’abbattimento di tutti i capi di ovini e caprini contaminati da diossina, e per finire dalla mitilicoltura, un tempo nostro fiore all’occhiello, attualmente in fermo tecnico sanitario. Stiamo difendendo gli ulivi monumentali con legge regionale ma non incentiviamo il futuro dell’ulivo nell’area ionica. Se ponessimo più attenzione ai controsensi e facessimo meno ricorso al potere surrettizio della politica sicuramente renderemmo un servizio migliore alle generazioni future”.

(Patrizio Mazza è Consigliere regionale de l’Italia dei valori)

Ilva. E’ solo un passo avanti ultima modifica: 2011-12-28T13:49:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Città del sole

    State dando troppo spazio alle polemiche politiche su questo problema, è una mia opinione, ma l’argomento è drammatica per molte famiglie, anche di Manfredonia. Ogni nefandezza del governo regionale viene commentata su SQ dall’IdV. Ma perché questi consiglieri non purgano Nicastro, l’assessore all’ambiente dello stesso partito, allora? Solito problema della trave e della pagliuzza.


  • Redazione

    Mazza: “Precisazioni su Arpa Puglia in merito alle emissioni Ilva”

    Consigliere regionale de l’Italia dei Valori, Patrizio Mazza ha diffuso la seguente dichiarazione:
    “Mi corre l’obbligo di fare una dovuta precisazione in merito all’operato dell’ARPA riguardo i rilevamenti effettuati ai camini per il riscontro diossine e i cui dati hanno fatto plaudere il presidente Vendola nell’ultima conferenza stampa del 27 dicembre 2011.

    Accade che l’Arpa opera in orari di lavoro così come stabilito da crismi di ‘contratti di lavoro di categoria’ e ciò rammarica considerato che gli incrementi di produzione e le lavorazioni maggiormente inquinanti, proprio da visione oculare, appaiono molto evidenti nelle ore notturne, specie di taluni giorni, determinando la presenza di una nuvola marrone che si staglia sulla città di Taranto e porzioni di provincia fino alle prime ore dell’alba.
    Ritengo, pertanto, che i rilievi dovrebbero essere fatti senza preavviso proprio nelle ore di maggiore produzione, come del resto indicato nella mia proposta di legge ‘Prevenzione della incidenza di tumori da inquinanti industriali’, all’art 3 relativamente al ‘monitoraggio delle emissioni’; ma stante la problematica riferita sopra ciò prescinde dal volere di ARPA Puglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This