Bocciata anche l'ipotesi Jacotenente

Carabinieri, “Cacciatori” ad Amendola. Niente Monte Sant’Angelo

Non accolta la richiesta del sindaco di Monte, D'Arienzo, che, nello scorso novembre, aveva scritto al Ministro dell’Interno Minniti e al Ministro della Difesa Pinotti


Di:

Foggia, 29 gennaio 2018. Avrà sede nell’aeroporto di Amendola il reparto “Cacciatori” dell’Arma dei Carabinieri previsto in Provincia di Foggia. La notizia è stata confermata dall’Arma, dopo l’indiscrezione de “L’Immediato”.

La decisione arriva dopo passati sopralluoghi.

Niente dunque Monte Sant’Angelo (immobile dell’Istituto Tecnico Commerciale ‘Giordani’ di via Del Presepe), niente Jacotenente per la sede dei “Cacciatori” in Puglia.

Non accolta la richiesta del sindaco di Monte, Pierpaolo D’Arienzo, che, nello scorso novembre, aveva scritto al Ministro dell’Interno Minniti e al Ministro della Difesa Pinotti chiedendo di “voler considerare la possibilità di ubicare la sede dell’istituendo Reparto Cacciatori dell’Arma dei Carabinieri nel cuore del Gargano e, in particolar modo, a Monte Sant’Angelo presso un immobile di proprietà comunale, destinato sino a qualche anno fa alla formazione delle nostre giovani generazioni”.

Sapevamo che la nostra proposta poteva anche non ricevere un accoglimento immediato, perchè si tratta di un istituto (di circa “1500 mq”) che andrebbe adeguato”, aveva detto a StatoQuotidiano il Vicesindaco con deleghe a lavori pubblici del Comune di Monte Sant’Angelo, Michele Fusilli, anticipando la bocciatura per il Comune montanaro.

La possibilità di una sede del reparto Cacciatori dei Carabinieri in Provincia di Foggia segue le dichiarazioni del Ministro Minniti all’interrogazione presentata dall’onorevole Gaetano Piepoli il 24 ottobre 2017.

Nella sua interrogazione Piepoli ha fatto riferimento alla strage avvenuta a San Marco in Lamis, nell’agosto 2017, con uccisione di 4 persone: ”manca un vero controllo delle coste garganiche, usate dalla criminalità come vere e proprie basi logistiche per le loro azioni criminose; per questo, ad esempio, l’interrogante” ha ritenuto ”da un lato, necessaria la costruzione di un sistema capillare di telecamere per il controllo di un territorio complesso e difficile come il Gargano, nonché, dall’altro, un’azione volta a rendere permanente l’insieme dei supporti forniti per fronteggiare la criminalità, costituendo, ad esempio, uno specifico corpo di carabinieri, che potrebbero chiamarsi «Cacciatori del Gargano»”.

Nella risposta resa il 25 ottobre Minniti aveva ribadito di aver disposto “dal 10 agosto l’invio immediato di più di 200 unità di personale, tra cui 75 unità dei reparti Prevenzione crimine della Polizia di Stato, 84 militari dell’Arma dei carabinieri, parte dei quali appartenenti al raggruppamento Cacciatori di Calabria, 20 unità dei Baschi Verdi della Guardia di finanza e 50 investigatori appartenenti alla Polizia di Stato e all’Arma dei Carabinieri“, aggiungendo come “Il dispositivo di controllo del territorio sarà ulteriormente rafforzato con l’istituzione di una sede del reparto prevenzione e crimine della Polizia di Stato nel comune di San Severo, che ha già messo a disposizione uno stabile garantendo ai reparti necessari lavori di adeguamento. La Puglia potrà, in tal modo, contare su tre reparti prevenzione crimine al pari di quanto già previsto per la Calabria“.

Inoltre “a margine di un incontro avvenuto lo scorso 9 ottobre a Foggia, è stato sottoscritto con la regione Puglia un protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni nei settori della legalità e della sicurezza e per il finanziamento di infrastrutture tecnologiche, compresi i sistemi di videosorveglianza, destinate al potenziamento del controllo delle aree della regione Puglia considerate strategiche, tra le quali rientra l’area di sviluppo industriale di Foggia“.

Redazione StatoQuotidiano.it-Riproduzioneriservata

Carabinieri, “Cacciatori” ad Amendola. Niente Monte Sant’Angelo ultima modifica: 2018-01-29T20:16:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
17

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This