Edizione n° 5310
/ Edizione n° 5310

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

RISARCIMENTO Morto in ospedale a Mestre, sette anni dopo la famiglia ottiene un risarcimento da un milione di euro

Dopo sette anni di battaglia legale con l’azienda sanitaria, l’Ulss 3 veneta ha deciso di accettare la richiesta dei parenti della vittima

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
29 Gennaio 2024
Cronaca // Focus //

VENEZIA – È morto nel 2016 mentre si trovava in cura all’ospedale dell’Angelo di Mestre e da quel momento la famiglia della vittima ha deciso di intraprendere una lunga battaglia legale con l’Ulss 3 ‘Serenissima’ di Venezia, formulando richiesta di risarcimento in relazione ai danni patrimoniali e morali subiti, che si è conclusa dopo tanti anni con un accordo per la liquidazione del danno pari a un milione di euro.

Secondo quanto è stato riferito dal quotidiano locale Il Gazzettino, non ottenendo risposte alla loro richiesta, due anni dopo, nel 2018, i parenti hanno chiesto un accertamento tecnico sul caso. La perizia del Consulente tecnico d’ufficio, depositata nel 2020, ha fatto scattare il ricorso. In un’udienza del 2 aprile 2022 il giudice chiede a Ulss e legale dei familiari della vittima di trovare un accordo.

Soltanto un anno dopo, nel febbraio 2023, arriva la proposta di transazione formulata dall’assicuratore che gestisce gli incidenti per l’Ulss, ma alla fine dello stesso mese dello scorso anno il “Comitato valutazione sinistri” dell’azienda però rifiuta l’ipotesi di un accordo economico perché, sostiene, “non sussisterebbero le condizioni”.

La famiglia della vittima però decide di non arrendersi e di proseguire con la battaglia legale. Durante un’udienza del 25 maggio 2023, di fronte a un nuovo invito del giudice a trovare una soluzione pacifica, l’avvocato dell’Ulss 3 decide di fare un passo indietro, considerando “i rischi derivanti dal prosieguo del giudizio, sia sotto il profilo della pressoché certa soccombenza, sia sotto il profilo di un aumento della condanna e di una difficoltosa percorribilità di un eventuale gravame”.

Insomma, se la causa fosse andata avanti ancora per molto, l’azienda avrebbe probabilmente dovuto, su indicazione del Tribunale, dare alla famiglia un risarcimento ancora maggiore in caso di condanna.

Il 30 maggio, quindi, il Comitato valutazione sinistri aziendale è tornato a esaminare l’ipotesi di una conciliazione e questa volta il parere è stato favorevole.

Il risarcimento da un milione di euro agli eredi del paziente dell’Angelo è stato autorizzato alcuni giorni fa: 500mila euro a carico dell’assicurazione, altri 500mila dell’Ulss 3, più altri 70mila ancora a carico dell’assicuratore per le altre spese.

Fonti verificate: FANPAGE //

Lascia un commento

“I coraggiosi agiscono, i pavidi desistono.” Luigi Giuseppe Bruno D'Isa

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.