Regione-TerritorioStato prima
L'Espresso anticipa una lettera datata 28 febbraio 2018

Crollo ponte Morandi: Finanza sequestra documentazione

Tra i documenti acquisiti dalla Gdf, c'è anche la relazione degli anni '80 dello stesso progettista Riccardo Morandi in cui si diceva stupito del degrado dei materiali


Di:

(ansa) La Guardia di finanza ha eseguito un decreto di sequestro emesso dalla procura di Genova che riguarda tutta la documentazione relativa al ponte Morandi dopo il crollo avvenuto lo scorso 14 agosto provocando la morte di 43 persone. Le Fiamme gialle sono state nelle sedi del Ministero delle Infrastrutture e nel suo ufficio ispettivo territoriale di Genova, nella sede del Provveditorato delle opere pubbliche di Liguria, Piemonte e Val d’Aosta, e della Spea Engineering spa.

Intanto l’Espresso anticipa una lettera datata 28 febbraio 2018, nella quale il direttore delle manutenzioni di Autostrade, Michele Donferri Mitelli, metteva in guardia il Ministero e il Provveditorato sui rischi per la sicurezza legati al ritardo dell’approvazione del progetto esecutivo di rinforzo del ponte. In particolare si chiedeva di accelerare l’iter proprio per garantire “l’incremento di sicurezza necessario sul viadotto Polcevera”.

Tra i documenti acquisiti dalla Gdf, c’è anche la relazione degli anni ’80 dello stesso progettista Riccardo Morandi in cui si diceva stupito del degrado dei materiali: “E’ uno dei documenti presi dai consulenti tecnici – ha confermato il procuratore Francesco Cozzi -. E’ una relazione corposa che sarà anche utile per mettere un punto nello spazio e nel tempo dell’esame della struttura”. Gli altri incartamenti prelevati “riguardano tutto il piano degli interventi fatti di manutenzione ordinaria e straordinaria nel tempo e quindi si cerca di ricostruire tutto il quadro”, ha concluso Cozzi.

FONTE ANSA

Crollo ponte Morandi: Finanza sequestra documentazione ultima modifica: 2018-08-29T21:24:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    GENOVA: PRECISAZIONE DI AUTOSTRADE PER L’ITALIA

    Roma, 2 settembre 2018 – In relazione alla ricostruzione contenuta oggi nell’articolo pubblicato dal Corriere della Sera dal titolo “Il manager di Autostrade al Governo: sicurezza a rischio, già in ritardo”, Autostrade per l’Italia chiarisce che è corretto affermare che il progetto di “retrofitting” sia stato approvato dal Consiglio d’Amministrazione della società, in quanto la spesa prevista superava i poteri delegati ai managers (circa 5 milioni di euro).
    E’ invece necessario chiarire che non è compito né facoltà del Consiglio d’Amministrazione fare una valutazione tecnica dei progetti né stabilire l’urgenza o la somma urgenza (ai sensi del Decreto Legislativo n. 50 del 2016).
    Questa valutazione è un obbligo infatti dei responsabili tecnici qualificati come Committenti, che in tali casi non necessitano di autorizzazione da parte del Consiglio d’Amministrazione e per le fattispecie di urgenza e di somma urgenza non hanno alcun limite di spesa. In aggiunta, il Direttore di Tronco ha facoltà e obbligo di assumere in piena autonomia i provvedimenti sulla circolazione conseguenti ad eventuali situazioni di urgenza o somma urgenza.
    Mai negli ultimi 18 anni, dunque, il Consiglio d’Amministrazione di Autostrade per l’Italia ha discusso o valutato l’urgenza o la somma urgenza di progetti, attivando i provvedimenti conseguenti: non ne avrebbe né il titolo né la competenza. Sono stati sempre e soltanto i Direttori di Tronco ad avvalersi di tali procedure (circa 50 ogni anno attivate dalle 9 Direzioni di Tronco della rete di Autostrade per l’Italia).
    Per quanto riguarda infine il tema dei solleciti fatti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dalla Direzione Maintenance ed Investimenti Esercizio nella qualità di Committente dell’opera, che non aveva i connotati dell’urgenza o della somma urgenza, si ricorda che questo tipo di interlocuzioni con il Ministero è purtroppo una prassi necessaria per contenere i tempi di approvazione dei progetti che comunque – nonostante i solleciti – superano abbondantemente quelli previsti. Nel solo 2018 si registrano infatti in media 100 giorni di ritardo, che si sommano ai 90 previsti per l’approvazione dei progetti di questa natura dalla Convenzione. Sempre nel solo 2018, sono state sollecitate dai vari committenti della società approvazioni, autorizzazioni e adempimenti da parte del Ministero per circa 70 progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This