Edizione n° 5265
/ Edizione n° 5265

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Introna apre il Convegno nazionale sulla legislazione

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
29 Novembre 2010
Politica //

Il nuovo presidente del consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna (Sel)
Il presidente del consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna
Bari – CON la presenza in Puglia, dopo Venezia nel 2008 e Torino nel 2009, per la presentazione del rapporto annuale sulla legislazione tra Stato Regioni ed Unione europea il sistema delle Assemblee legislative italiane ed europee torna nel Mezzogiorno, a sottolineare che “questo Paese è tanto più in grado di raccogliere le sfide quanto più è capace di fare squadra e quanto più riesce a definire una sintesi che tenga insieme tutti i cittadini della Repubblica, dal Nord, al Centro, al Meridione, alle isole”. Il saluto del presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna ha aperto a Bari i lavori del convegno sul “Rapporto”, promosso dall’Osservatorio sulla legislazione della Camera dei Deputati e dal Comitato paritetico costituito col Senato della Repubblica e la Conferenza delle Assemblee regionali. “Dal 2007 – ha ricordato Introna – l’annuale presentazione dello stato legislativo è l’occasione per un dibattito che vede protagonisti territori di volta in volta diversi. Un appuntamento che è diventato una consuetudine e nel quale le Regioni sono centro e non periferia. Oggi la Puglia e il Consiglio regionale ospitano un consesso in cui i livelli istituzionali della Repubblica si confrontano su un tema (“Le assemblee legislative e le nuove strategie dell’UE”) che, raccoglie in sé la sfida delle sfide: l’Unione ed il senso politico della sua rappresentazione”.

Ci si interroga sull’approccio alle problematiche contemporanee, su come coniugarlo “con la nuova governance economica europea, con la durissima crisi finanziaria che stiamo attraversando e con il progressivo decentramento alle Regioni del governo del Paese, vigilia del processo di federalismo”. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia ha indicato tra le emergenze “la crisi economica in atto, che erode salari e certezze nel futuro, mette a rischio posti di lavoro e mette in discussione l’occupazione dei giovani. Ed il Piano per il Sud, ancora da verificare nei contenuti e nella reale portata, mette in campo 75 miliardi di euro. Ma devono essere pronti e disponibili. E che non si tratti di un ennesimo annuncio, perché di annunci non onorati il Sud muore”.

Introna ha citato il presidente Napolitano: “il modo per battere questa congiuntura non è tagliare gli investimenti per la cultura, ‘la risorsa di cui l’Italia è più ricca’. Nei periodi difficili investire in cultura significa investire nel futuro. Lo stesso per altri settori sotto la scure dei tagli nazionali: anche le università e la ricerca sono leve per far crescere l’occupazione, per uscire dalla crisi”.

“Attendiamo soluzioni convincenti per i nostri giovani – ha sottolineato ancora il presidente dell’Assemblea pugliese – va sconfitta la convinzione generale che quelli tra i 18 e i 35 anni siano la generazione del lavoro mai”. La Regione Puglia crede nei suoi ragazzi e vuole fermare la fuga dei cervelli. “Puntare sui giovani, sulla salute dell’ambiente e sulla qualità delle produzioni agricole di eccellenza è tra i punti di forza della politica della nostra regione. Una strategia che chiama al protagonismo anche il Consiglio regionale, nel suo ruolo eminente di Assemblea legislativa al servizio dello sviluppo della comunità pugliese”. Questo il “biglietto da visita” della Puglia di oggi e delle sue linee di sviluppo.


Redazione Stato

Lascia un commento

“Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé”. (Lucio Anneo Seneca)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.