Foggia

Foggia, Pirp “B” per la riqualificazione dei rioni Diaz e Martucci


Di:

Marasco/Mongelli (st - Ph: SLVPAE@)

Foggia – ALLA fine di quasi tre ore di confronto, il PIRP Ambito “B” recupera la sua funzione più legata alla riqualificazione dei quartieri Diaz e Martucci e del Villaggio Artigiani , con la previsione di una massiccia dotazione di spazi pubblici riservati ad attività collettive, a verde pubblico e a parcheggi.

«Accantoniamo l’operazione più finanziariamente ambiziosa, legata alla costituzione di una Società di Trasformazione Urbana con società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, concentrandoci sul cuore di un Programma nato per soddisfare i bisogni dei residenti di due quartieri “tagliati” dall’infrastruttura ferroviaria», spiega l’assessore alla Qualità e all’Assetto del Territorio, Augusto Marasco, che, stamattina, è tornato a Bari per una riunione con il Dirigente del Servizio Urbanistica della Regione Puglia, Nicola Giordano, e un rappresentante del gruppo di progettazione del PIRP, Michele Fatigato, conclusa alla presenza dell’assessore regionale, Angela Barbanente.

Il Comune formalizzerà controdeduzioni rispetto ai rilievi regionali che avevano osservato alcuni limiti alla progettazione e, prioritariamente, realizzerà opere pubbliche e servizi, oltre a 36 alloggi di edilizia sovvenzionata. Per il resto, il PIRP punta a realizzare verde attrezzato in un’area adiacente alla Cartiera e la ristrutturazione dell’ex Casa del Fascio, nel Rione Diaz. E la demolizione delle residenze più vecchie su via Petrilli per realizzare una grande area a verde attrezzato, nel Rione Martucci.
Piuttosto che sparpagliarsi, l’edilizia convenzionata si andrà ad attestare lungo una “stecca” adiacente via Nannarone mentre, riorientando la progettazione relativa al business parck, nel quadrilatero compreso tra via di Salpi, via Bisceglia, Tratturo Castiglione e viale Fortore, saranno realizzate aree a verde e servizi in modo da riequilibrare i rapporti con l’adiacente Villaggio Artigiani, oltre ad alcuni fabbricati di edilizia convenzionata.

Restano confermati i protocolli d’intesa sottoscritti con soggetti pubblici e privati nel 2007 con l’approvazione del PIRP, a cominciare da quello con l’Unione Italiana Ciechi per la realizzazione di un centro servizi a rilevanza provinciale.


Redazione Stato

Foggia, Pirp “B” per la riqualificazione dei rioni Diaz e Martucci ultima modifica: 2012-11-29T14:14:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: Avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    I lavori, da effettuarsi al piano dei “garage”, vanno pagati da tutti i condomini e non solo dai proprietari dei box auto!

    Le spese straordinarie per lavori di riparazione al piano dei garage, qualora esso sia accessibile e utilizzabile da ogni condomino, devono essere pagate da tutti i condomini dello stabile e non soltanto da quelli che sono proprietari dei box auto. Pertanto, è nulla la delibera assembleare che disponga diversamente.

    Le spese per la manutenzione e riparazione delle parti comuni di un edificio devono essere ripartite tra tutti i condomini, ciascuno in base ai propri millesimi di proprietà.

    Si tratta del criterio legale di ripartizione delle spese (art. 1123 cod. civ., c. 1). In alcuni casi l’assemblea può decidere di imputare le spese solo ai condomini che utilizzano il bene comune, escludendo coloro che, per ragioni strutturali indipendenti dalla volontà soggettiva, non possono utilizzare le parti comuni (art. 2123 cod civ. ult. c.).

    Nel caso di specie, però, tutti i condomini avevano libero accesso e utilizzo del piano garage, pertanto non era giusto che solo i proprietari dei box auto dovessero pagare i lavori.

    La stessa regola vale anche per il piano garage che è parte comune dell’edificio e, in quanto utilizzabile da chiunque, in qualsiasi momento, anche solo per accedere al proprio appartamento, è da considerare parte comune.

    Il tribunale di Trento ha così annullato una delibera assembleare che disponeva, a carico dei soli proprietari dei box auto, il pagamento delle spese relative all’installazione di impianti di areazione e delle porte tagliafuoco nel tunnel garage di cui tutti i condomini avrebbero beneficiato. ( così Trib. di Trento, sent. n. 832/2012)
    Foggia, 29 novembre 2012 Avv. Eugenio Gargiulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This