Edizione n° 5378

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Rendina “pentito” per la morte di Gerardo e Pasquale Cirillo. E la verità sull’omicidio di Giuseppe Ciociola?

AUTORE:
Giuseppe de Filippo
PUBBLICATO IL:
29 Novembre 2022
Focus e Inchieste // Inchieste Manfredonia //

Foggia, 29 novembre 2022. «Sono pentito, non volevo uccidere nessuno. Era meglio che mi uccidevo io».

Come riporta l’Ansa (28.11.2022,ndr), queste le parole di Giuseppe Rendina, 45 anni di Trinitapoli (Bat), in carcere con l’accusa di avere ucciso Gerardo e Pasquale Davide Cirillo, padre e figlio di 58 e 27 anni, il 31 luglio scorso in una campagna tra Cerignola e Manfredonia, nel Foggiano. Il reo confesso è stato ascoltato per più di due ore dal pm Alessio Marangelli.

Come riporta l’Ansa, “a marzo scorso Rendina ha contratto un debito, per fronteggiare problematiche di famiglia, di circa ventimila euro con Gerardo Cirillo. Gli accordi – secondo quanto riferito dall’uomo – erano che Rendina avrebbe lavorato per i Cirillo nelle loro campagne e che, di volta in volta, con i proventi delle vendite dei carciofi avrebbe saldato il debito. Ma il giorno dell’omicidio Cirillo avrebbe preteso il saldo completo del debito entro 24 ore”.

COMBO: RENDINA, padre e figlio Cirillo, GIUSEPPE CIOCIOLA (ph L’IMMEDIATO)

Dopo una discussione Cirillo si sarebbe allontanato dalla campagna lasciando da soli Rendina e il figlio. Rendina ha ucciso prima il giovane con una pistola che aveva nascosto precedentemente sotto un albero e poi ha messo il cadavere sotto alcuni tubicini per l’irrigazione. Nel pomeriggio in campagna è tornato il padre: Rendina vendendolo arrivare a bordo dell’auto non ha esitato a fare fuoco uccidendolo. Rendina è stato arrestato il 4 agosto scorso dalla polizia in un appartamento a Trinitapoli (Bat)”.

Si ricorda come lo stesso Giuseppe Rendina, nato a  Trinitapoli il 27.02.1977, è indagato anche per l’omicidio di Giuseppe Ciociola, avvenuto lo scorso 11 marzo in località Alma Dannata a Zapponeta.

carabinieri notte (immagine d'archivio), fonte arezzoweb
carabinieri notte (immagine d’archivio), fonte arezzoweb

La notizia, appresa in esclusiva nello scorso agosto 2022 da StatoQuotidiano.it, era stata confermata dal legale dei familiari del Ciociola, l’Avv. Francesco Le Noci, che si era appellato agli inquirenti dopo che Polizia e Carabinieri avevano arrestato lo scorso 3 agosto a Trinitapoli lo stesso Giuseppe Rendina, pregiudicato, accusato del duplice omicidio di Gerardo e Pasquale Davide Cirillo padre e figlio rispettivamente di 58 e 27 anni i cui cadaveri sono stati ritrovati domenica mattina 31 luglio 2022, in un terreno agricolo nelle campagne di Cerignola.

“I miei assistiti, i figli del compianto Giuseppe Ciociola – aveva detto a StatoQuotidiano.it l’avvocato Francesco Le Noci – attendono con fiducia e speranza l’esito delle indagini. Qualora dovesse trovare riscontro la tesi della Procura, che a togliere la vita a 3 persone sarebbe stata un’unica persona, la notizia sarebbe eclatante e terrificante”.

A cura di Giuseppe de Filippo, Manfredonia 29 novembre 2022.

1 commenti su "Rendina “pentito” per la morte di Gerardo e Pasquale Cirillo. E la verità sull’omicidio di Giuseppe Ciociola?"

  1. A dire il vero l’omicida è stato preso dai Carabinieri Cacciatori Puglia insieme ai Carabinieri di Manfedonia e la Polizia di Foggia e Cerignola.

Lascia un commento

Un politico pensa alle prossime elezioni, un uomo di stato alle prossime generazioni. (James Freeman Clarke)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.