Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

MALORE E’ morto Lello Vecchiarino, decano del giornalismo foggiano

Colpito da un malore mentre si trovava in ospedale ad Ascoli Piceno

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
29 Dicembre 2023
Cronaca // Foggia //

Cordoglio unanime per la morte stamani di Lello Vecchiarino, decano dei giornalisti di Capitanata, colpito da un malore mentre si trovava in ospedale ad Ascoli Piceno, dove era ricoverato da alcuni giorni. Lo riporta www.luceraweb.eu.

Vecchiarino ha ricoperto il ruolo di capo servizio della redazione foggiana della Gazzetta del Mezzogiorno per molti anni, contribuendo a designare, formare e sostenere numerosi colleghi che ora lo piangono.

La sua perdita rappresenta un vuoto sia umano che professionale per coloro che hanno avuto il privilegio di condividere il loro percorso con lui. Oltre alla sua carriera giornalistica, Vecchiarino ha svolto con successo l’attività di scrittore e sceneggiatore, essendo anche socio dell’Associazione Nazionale Autori Cinematografici. Ha ottenuto premi e riconoscimenti per le sue opere, che spaziavano su tematiche locali e nazionali, cronache e storie familiari, affrontando sia piccole vicende che grandi questioni“.

Cordoglio e condoglianze ai familiari dell’uomo dalla redazione di StatoQuotidiano.it
GEPPE INSERRA (da lettere meridiane). “Il bello di Lello Vecchiarino era che potevi non vederlo da anni, ma quando lo incontravi era come se ci fossi stato insieme soltanto il giorno prima. Questione di substrato, direi: interessi comuni, e soprattutto maestri comuni: Anacleto Lupo, Mimmo Leo, Giovanni Spinelli, Piero Lotito.
Abbiamo lavorato insieme alla redazione della Gazzetta del Mezzogiorno, ed è stato uno dei capitoli più entusiasmanti del mio percorso professionale. Di quelli che ti scolpiscono la vita. Allora il direttore del giornale era Giuseppe Giacovazzo, che aveva portato nel quotidiano una ventata d’aria nuova, sia nella veste grafica che nei contenuti, che Lello si sforzava di declinare ogni giorno in redazione. Esplorava con tenacia e convinzione, i sentieri di un modo di far giornalismo nuovo, meno paludato di quello ufficiale, più attento alla realtà e ai problemi di tutti i giorni.
Era un cronista dal fiuto eccezionale, che riusciva a scovare e raccontare storie e personaggi anche da quegli scampoli di vita quotidiana che per definizione non fanno notizia. L’esperienza più intensa che abbiamo condiviso è stata all’alba di un freddo mattino foggiano, quando m’aveva voluto con lui per scrivere un “articolo a quattro mani” (cosa che mi lusingò parecchio, nonostante la levataccia) sullo sgombero di alcune case popolari occupate abusivamente al Rione Camporeale, preannunciato in redazione da una soffiata, la sera prima.
Non ci furono incidenti, lo sgombero si svolse anzi in modo del tutto tranquillo. Ma non era l’eventuale fattaccio che gli interessava: era piuttosto raccontare quelle persone, che si sarebbero trovate da un momento all’altro senza un tetto, le loro vite, le loro emozioni, il loro dramma umano e sociale. L’articolo uscì lo stesso, raccontando quelle persone, e occupando una pagina intera del giornale.
Aveva l’istinto e lo «sguardo» tipici del giornalista di razza e dell’inviato speciale, ruolo che ha svolto per molto tempo alla Gazzetta, dopo l’esperienza alla guida della redazione di Foggia. Suppongo che sia stata questa attitudine alla narrazione a portarlo a varcare la soglia che dalla cronaca porta alla letteratura. I suoi romanzi, le sue sceneggiature, la sua scrittura sono un misto di grande giornalismo e altrettanto grande invenzione, le sue inchieste un grande esercizio di rigore e di logica.
Di lui ho apprezzato la professionalità, l’intelligenza, la squisita generosità. Siamo stati non soltanto colleghi ma anche amici. Ricordo una sera, nella sua casa di Faeto, una cena interminabile tra chiacchiere, prosciutto e brindisi, assieme a Filippo Santigliano, Claudio Gabaldi, Enrico Ciccarelli. Stavo attraversando una congiuntura professionale piuttosto complicata: fu un modo per manifestarmi la sua stima. Quella bella serata mi tirò su: gliene sarò eternamente grato.
Con lui il mondo pugliese del giornalismo e della cultura perde un protagonista, un gigante.
Ciao Lello, è stato bello conoscerti e condividere con te un tratto delle nostre vite”. Geppe Inserra

2 commenti su "E’ morto Lello Vecchiarino, decano del giornalismo foggiano"

  1. Un amico e un giornalista sempre attento agli ultimi e ai problemi della Capitanata.
    Lo ricordo come un cronista dal fiuto eccezionale, che sapeva raccontare storie e personaggi della nostra Provincia.
    Era un inflessibile giornalista di razza che non faceva sconti a nessuno.
    Le sue inchieste sono sempre state rigorose.
    Il giornalismo pugliese e la cultura perde un valido protagonista.
    Ciao Lello.
    Un abbraccio alla famiglia.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.