Manfredonia
Nota stampa

Liberi e uguali, Massimo D’Alema a Manfredonia e Cerignola

Alla manifestazione parteciperanno anche i candidati alla Camera dei Deputati nel listino proporzionale del collegio di Foggia Luigi Pizzolo e Gianluca Ruotolo


Di:

Foggia. Sarà l’Onorevole Massimo D’Alema ad aprire ufficialmente la campagna elettorale di Liberi e Uguali per le Elezioni Politiche 2018 che si svolgeranno il prossimo 4 marzo.

Domani, mercoledì 31 gennaio, alle ore 17.30, l’esponente nazionale di LEU sarà a Manfredonia, presso l’Auditorium Cristanziano Serricchio in Corso Manfredi 34, per una manifestazione elettorale che vedrà intervenire, oltre l’Onorevole D’Alema, anche il candidato alla Camera dei Deputati nel listino proporzionale del collegio di Foggia, Gianluca Ruotolo, e la candidata alla Camera nel Collegio Uninominale Manfredonia-Cerignola, Michela D’Onofrio.

Successivamente, alle ore 19.00, D’Alema parteciperà a un incontro elettorale a Cerignola, presso la Sala Conferenze di Palazzo di Città.

Alla manifestazione parteciperanno anche i candidati alla Camera dei Deputati nel listino proporzionale del collegio di Foggia Luigi Pizzolo e Gianluca Ruotolo.

Liberi e uguali, Massimo D’Alema a Manfredonia e Cerignola ultima modifica: 2018-01-30T10:47:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • gino

    adesso questo personaggio scopra l’esistenza di manfredonia, vai a pascolare le pecore, voltagabbana


  • vai a lavorare

    vai a fare in …… voti per voi non ce ne stanno


  • RUCHER

    E l’ex cucciolotto Bordo parteciperà alla manifestazione?


  • Dal PD a Salvini

    Andate a zappare la terra!

  • Vai a fare – tu e tutti i falsi comunisti che dicevano di stare dalla parte dei lavoratori


  • weqw

    che inutile privilegiato…

  • NON TI RASSEGNI….VAI A LAVORARE…HAI SEMPRE CAMPATO DI POLITICA…CI HAI STANCATO!!!!VOGLIAMO GENTE NUOVA…LO CAPIRETE IL 4 MARZO!!!


  • Alfredo

    E’ ritornato a galla dopo una decina di anni.
    Pensavo che era andato a godersi il suo vitalizio al minimo di 10.000 euro al mese, alla faccia dei lavoratori che dovranno lavorare per 47 anni per 1.000 euro al mese.
    Questo e’ il suo Partito, una volta considerato quello dei lavoratori.
    Oggi e’ diventato quello dei vitalizi d’oro, alla faccia dei fessi che leccano intorno e non possono arrivare a fine mese.
    Per vergognarsi, ci vorrebbe un po’ di dignita’ umana, quella che a voi manca da sempre.


  • Franco Capenti

    Vorrei segnalare a tutti i “bandiera rossa”come D’Alema e compagnia bella che la nipote di un ufficiale dell’armata rossa
    (morto,poi,alla catena di montaggio di un’industria meccanica)
    vive quì in Italia in un comune terremotato della provincia di Macerata(è mia moglie,ha la doppia cittadinanza ed è proveniente dalla regione di Ul’janovsk,città natale di Lenin), per far notare l’enorme differenza tra le condizioni e le fortune economiche dei politici italiani legati al PCI(finanziato dal PCUS,si parla con cifre intorno ai 7000 miliardi!) e la sorte ben
    diversa del popolo russo. Adesso,nell’estrema sinistra,molti di loro fanno parte di”Liberi e uguali”e dicono di essere i paladini della lotta alle diseguaglianze. Nei miei tre viaggi in Russia ho potuto vedere i frutti degli oltre settanta anni di dittatura comunista. per esempio,alle numerose fermate dei treni non potevo non chiedermi: Chissà se anche i figli e le figlie di D’Alema ,Bersani e compagnia bella sono mai andati a vendere i panini ai viaggiatori dei treni? Credo che i dirigenti comunisti italiani(alcuni di loro andavano anche in vacanza in Crimea,invitati dai paparazzi del Cremlino) sapevano bene del
    differente tenore di vita dei burocrati del PCUS rispetto ai semplici cittadini russi che vivevano in condizioni disagiate. Eppure essi hanno sempre accettato di buon grado i lauti finanziamenti del Cremlino. Perciò a costoro io dico:”Non vi pare che,se volete essere veramente credibili sul piano dell’uguaglianza,DOVRESTE RESTITUIRE I SOLDI AL POPOLO RUSSO e,quindi,anche a mia moglie e alla sua famiglia?”. Ma forse ESSI SONO MENO UGUALI! Altrimenti l’onorevole D’Alema dovrebbe aggiungere tra i componenti del suo vino”rubli del popolo russo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This