Edizione n° 5342

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Manfredonia. “È un falso la delibera del Consiglio Comunale su Engie”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
30 Gennaio 2023
Manfredonia // Politica locale //

MANFREDONIA (FOGGIA), 30/01/2023 – “E’ un falso la delibera del Consiglio Comunale su Engie pubblicata venerdì scorso sull’Albo Pretorio del Comune di Manfredonia e, come Consiglieri di Minoranza, abbiamo provveduto a segnalarlo al Prefetto.

Evidentemente a questa Amministrazione pasticciona ed impreparata non bastava il polverone già sollevato in aula consiliare quando ha bocciato un proprio provvedimento, ma ha voluto spingersi ancora oltre pubblicando anche un atto falso. In Consiglio Comunale, infatti, a differenza di quanto pubblicato sull’Albo pretorio, non è stato presentato né comunque approvato alcun emendamento alla proposta di delibera messa all’ordine del giorno ed inviata via pec a tutti i consiglieri, con la quale si proponeva l’approvazione del progetto di PPP presentato dalla Engie e dei relativi elaborati, con una serie di deliberati consequenziali. Su tale proposta, durante la seduta del consiglio di lunedì 23 gennaio, i consiglieri di maggioranza hanno dichiarato di voler votare contro la sua approvazione, e così hanno poi fatto.
In realtà, il Sindaco, viste le dichiarazioni di voto contrario (compresa la sua), avrebbe dovuto ritirare la proposta di delibera, perché, in un Comune normale, se una delibera proposta dal sindaco o da un suo assessore venisse bocciata dalla stessa maggioranza, si aprirebbe una crisi. Per cui, in questo caso, non essendo più favorevole alla proposta del suo assessore (e quindi sua, per via della delega), il Sindaco avrebbe dovuto ritirarla, per poi tornare in Giunta e magari revocare la precedente delibera dei Commissari con la quale si era dato avvio alla fase del procedimento che avrebbe dovuto concludersi con la delibera consiliare.
In alternativa, lo stesso Sindaco avrebbe potuto presentare un emendamento alla proposta portata in Consiglio (e farlo approvare prima della deliberazione finale sul provvedimento), con il quale inserire nella premessa i diversi motivi che portavano alla non approvazione del progetto di PPP presentato da ENGIE e formulare un nuovo e diverso dispositivo, coerente con tali motivazioni, volto a ritenere il progetto ENGIE non meritevole di approvazione. Una siffatta delibera, così emendata, andava quindi approvata favorevolmente dai consiglieri di maggioranza. Così non è stato e la delibera pubblicata sull’Albo pretorio contiene un falso, oltre a contenere un pastrocchio.
Il falso consiste nel dispositivo diverso da quello che è stato posto in discussione e in votazione nella seduta del Consiglio: in altri termini, la delibera pubblicata fa dire al Consiglio cose che il Consiglio non ha detto, perché il Consiglio si è semplicemente limitato a bocciare la delibera che gli è stata presentata, con un voto contrario all’unanimità, mentre in quella pubblicata si dice tutt’altro. Il pastrocchio, perché la delibera, così come poi falsamente confezionata, andava approvata e non bocciata dal Consiglio, mentre invece i consiglieri di maggioranza, gli unici a rimanere in aula per il voto, l’hanno bocciata all’unanimità.
Buona parte della delibera pubblicata è stata aggiunta dopo il Consiglio e la registrazione della seduta, ancora visibile sul sito istituzionale del Comune, è lì ad attestarlo. E se le responsabilità, quella amministrativa e quella politica, delle decisioni adottate dal Consiglio sono rimesse ai consiglieri comunali per il voto espresso o per il comportamento tenuto al momento del voto, la mancanza di conformità così evidente tra ciò che si è deciso in aula e ciò che risulta diversamente nella delibera così come pubblicata è rimessa alla responsabilità di chi è tenuto per legge a farsi garante della conformità di quanto deciso rispetto a ciò che viene poi pubblicato, e quindi della sua veridicità. Se poi altri hanno concorso in tale operazione, sarà chi di competenza ad accertarlo.
Noi consiglieri di minoranza, che abbiamo lasciato l’aula per protesta al momento del voto, ma solo dopo aver preso più volte la parola per denunciare il comportamento contraddittorio, opaco e irresponsabile tenuto dal Sindaco e dalla sua maggioranza in tutta questa vicenda, abbiamo ritenuto opportuno rimettere gli atti alla valutazione del Prefetto perché intervenga per fare chiarezza sull’accaduto ed assumere eventuali determinazione in merito”. Lo scrivono i Consiglieri comunali: Gaetano Prencipe, Massimo Ciuffreda, Raffaele Fatone, Giulia Fresca,  Michele Iacoviello, Francesco Schiavone, Gianluca Totaro, Maria Teresa Valente, Mariarita Valentino.

9 commenti su "Manfredonia. “È un falso la delibera del Consiglio Comunale su Engie”"

  1. Nooooooo, nn g crod 😳😳😳, mò pur a dlibera favz??? Stem au cirk equestr???
    E che c’accocchje ‘a Fresck a mizz all’opposzion??? Quedd nn g von meje.
    Vuoto a perdere non pervenuta…Ahhh già…Nn ton a makn p venjì 🤣🤣🤣

  2. Madooooo!!! E là ragioniera Lauriola assessore al bilancio che non sa nemmeno lei dove si trova e di come è arrivata a fare l’assessore 😂 che ha da dire a proposito ? Povera Manfredonia stiamo in mano ad una giù -+ incompetenti e —in politica che mai abbiamo avuti in questa città

  3. La Ragioniera Lauriola a memoria storica credo che sia attualmente l’assessore al Bilancio più scarso ——————
    (La smetta con le diffamazioni continue; non ci saranno ulteriori richiami, grazie,ndr)

  4. Leggendo questo articolo, mi vengono i brividi perché non so se sono solo schermaglie politiche oppure è verità. Se è verità, c’è da preoccuparsi per il proseguo di questa amministrazione comunale neofita. Sinceramente, dopo l’entrata di questa amministrazione, pensavo che Manfredonia potesse uscire fuori dalle tante delusioni e problemi politici, invece è stato sono un sogno svanito nel nulla. È imbarazzante leggere determinati articoli, tutti ci deridono. Adesso è giusto che intervenga chi di dovere, per fare chiarezza sull’accaduto.
    Noi Manfredoniani, siamo sempre in attesa di una amministrazione comunale che ci faccia rinascere e dia alla nostra città, ciò che merita: lavoro, Ospedale decente e sicurezza ai giovani. Continuerò nel dire che, senza il valore del bene comune, non si arriva alla responsabilità e corresponsabilità collettiva per fare del bene per questa città.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.