Edizione n° 5401

BALLON D'ESSAI

METEO // Caldo: oggi bollino rosso in 14 città, venerdì saranno 17
18 Luglio 2024 - ore  08:46

CALEMBOUR

TARANTO // Ex Ilva: Morselli indagata, associazione delinquere per inquinare
18 Luglio 2024 - ore  14:10

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

TROIANA Riti della settimana santa. Troia, la Siviglia di Capitanata (FOTO)

Davanti al sagrato della cattedrale, nel tardo pomeriggio di Pasqua, la comunità troiana celebra l'ultimo rito del triduo pasquale

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
30 Marzo 2024
Cronaca // Foggia //

Foggia. Processione delle Catene – Nella mattinata con la processione delle Catene – cinque uomini penitenti, in saio bianco ed incappucciati, portano sulle spalle pesanti croci di legno, attraversano a piedi nudi, trascinando grandi catene legate alle caviglie, un lungo percorso processionale che tocca le chiese più antiche di Troia. La processione inizia e si conclude nella cattedrale. E’ una processione silenziosa, scandita dal rumore delle catene trascinate dai penitenti e dal suono sordo delle “trocchiole” che ne annunciano l’arrivo.

Processione dei Misteri. Al calar della sera, dalla piazza antistante la Cattedrale parte il giro della suggestiva processione con cinque gruppi statuari lignei che riproducono i Misteri Dolorosi del Rosario.

Domenica di Pasqua

Processione del Bacio – E’ la rappresentazione dell’incontro tra Gesù Risorto e la Madre. Le statue della Madonna e del Cristo Risorto portate in processione e seguendo ognuno un percorso diverso si incontrano davanti al sagrato della Cattedrale. Si avvicinano due volte, senza riconoscersi. Al terzo incontro la statua del Risorto viene fatta inchinare ai piedi della statua della Madonna per il “bacio”. La processione si conclude nella cattedrale dove si celebra la Messa della Pasqua. E’ un rito unico nel suo genere in tutta la Puglia, e tra i pochi del Sud “Il Cristo risorto si inchina alla Madonna, a sua madre, e non il contrario come avviene in altri riti simili – spiega don Paolo Paolella, parroco della concattedrale di Troia – E’ un unicum. Così come unico è tutto il triduo pasquale di Troia che risale al 1702, voluto da mons. Cavalieri per dare forza e slancio alla fede della comunità. Oggi Troia, grazie a questi antichi riti, è una piccola Siviglia della Capitanata”

FOTOGALLERY

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.