Capitanata

de Lilla: recupero rifiuti e non mega impianti compostaggio


Di:

Michele de Lilla (st)

San Severo – “I rifiuti rappresentano una buona opportunità di crescita e di lavoro per il territorio, ma ciò deve avvenire senza danneggiare la vocazione agricola del territorio e preservandone l’aspetto paesaggistico”. È quanto afferma il candidato sindaco di Terra Nostra, Michele de Lilla, che ha accolto le richieste e i suggerimenti dei cittadini durante il convegno “Rifiuto: Costo o risorsa?” promosso da San Severo nel Cuore, Città del Sole e San Severo in Movimento.

“L’impianto di compostaggio se necessario – spiega de Lilla -, dovrà rispettare la vocazione territoriale e il Piano Paesaggistico Regionale. Se si dovesse scegliere opteremmo per il sito della ex Safab, per motivi molto ovvi. Intanto la strada che conduce a San Marco è una strada non solo di interesse turistico ma poco funzionale all’asservimento dell’ATO FG 3 e poi, ci chiediamo, è il caso di erodere ulteriore terreno alle nostre preziose coltivazioni? Il sito già esistente della ex Safab risponde a pieno ad una necessità logistica e non richiede ulteriore erosione di territorio. Chiederemo alla Gesafin di entrare come Comune in partnership per la gestione dell’impianto”. Da Terra Nostra una serie di proposte per la gestione dei rifiuti affinché diventino una risorsa preziosa.

“Per i servizi di trattamento, recupero, riciclaggio e smaltimento – aggiunge de Lilla -, intendiamo favorire un modello di governo che privilegi centri di recupero e trasformazione di taglia media disposti strategicamente sul territorio rispetto a megacentri”. Secondo Terra Nostra infatti tali centri risulterebbero meno impattanti sull’ambiente, ridurrebbero i costi economici del trasporto, sarebbero più facilmente convertibili in funzione dell’evoluzione tecnologica ed i fermo impianti accidentali o manutentivi.

“Questi inoltre – aggiunge de Lilla – Permetterebbero una sperimentazione, come il vermi-compostaggio nel trattamento dell’umido, finalizzata a miglioramenti innovativi del prodotto finale che ancora oggi attendono di essere perfezionati”. Nel programma di Terra Nostra spazio anche ad incentivazioni e facilitazioni autorizzative per centri di raccolta e trasformazione privati di rifiuti speciali non pericolosi, come polistirolo, copertoni e legno, per favorire la nascita di nuove opportunità lavorative.

“Per i cittadini – conclude de Lilla – virtuosi nella raccolta differenziata proponiamo forme di incentivi come i buoni spesa in cambio di rifiuti ed eco-point comunali in cui tutti possano portare rifiuti da riciclare e ottenere in cambio buoni sconto. Così come per le scuole intendiamo proporre campagne di raccolta di carta, vetro e plastica che possano portare vantaggi economici agli istituti stessi, ma anche per sensibilizzare i giovani ad una nuova cultura dei consumi che deve assolutamente ridurre la quantità di rifiuti prodotti attraverso un maggiore senso civico e spirito d’appartenenza”.

Redazione Stato

de Lilla: recupero rifiuti e non mega impianti compostaggio ultima modifica: 2014-04-30T14:34:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • sandro

    san severo ormai da 20 anni viene rovinata dagli stessi personaggi del centrodestra che sono gli stessi che hanno voluto la centrale e che adesso faranno affari con una specie di discarica.
    inoltre grazie al centrodestra di savino e lallo i san severesi devono pagare una tares pazzesca sebbene si siano impegnati molto nella raccolta differenziata. come e’ possibile?


  • leonardo

    san severo ormai da 20 anni viene rovinata dagli stessi personaggi del centrodestra che sono gli stessi che hanno voluto la centrale e che adesso faranno affari con una specie di discarica.
    inoltre grazie al centrodestra di savino e lallo i san severesi devono pagare una tares pazzesca sebbene si siano impegnati molto nella raccolta differenziata. come e’ possibile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This