Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

‘Stoc ddo”, nel carcere minorile di Bari la crociata di Lella dopo la morte del figlio Michele

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
30 Maggio 2023
Bari // Cronaca //

Bari – La coraggiosa crociata antimafia di una madre in scena all’Istituto penitenziario minorile ‘N.Fornelli’ di Bari il 15 e 16 giugno (ore 20.30) con Stoc ddo’, produzione Meridiani Perduti.

Nel 25esimo anniversario di attività di ‘Sala Prove‘, laboratorio teatrale con i giovani detenuti curato da Lello Tedeschi per Teatri di Bari, la progettualità apre nuovamente gli spazi dell’Ipm al pubblico per ricordare i tragici accadimenti del 12 luglio 2001, quando tra i vicoli del borgo antico di Bari un colpo di pistola spense per sempre una giovane vita, quella del 15enne Michele Fazio, vittima innocente di un regolamento di conti mafioso.

Da allora l’impegno di sua madre Lella è stato quello di portare una cultura di legalità – contro la presenza dei clan – tra le nuove generazioni, perché episodi come quello non si ripetessero più. Lella Fazio sarà inoltre presente alla serata insieme al marito Pinuccio.

Nello spettacolo vincitore del Festival ‘Le voci dell’anima’ nel 2022 è Sara Bevilacqua a interpretare Lella Fazio, che giorno dopo giorno, con la sola presenza di madre ferita, impone le esigenze della giustizia ai clan, denunciando, testimoniando, puntando gli occhi negli occhi di chi vuole imporle il silenzio. E ricorda con una frase il suo impegno a non fuggire davanti alla forza dei clan: “Stoc ddò”.

Una battaglia che porta avanti grazie all’esempio e al sostegno di sua mamma, cumma’ Nenette, donna determinata nell’educare i figli alla sostanza delle cose, del marito Pinuccio, della famiglia e della gente del quartiere.

Ma, soprattutto, dal dialogo mai interrotto con Michele, il garzone allegro, l’angelo di Bari Vecchia. Un dialogo, quello con suo figlio, che nessun ostacolo riuscirà mai a impedire, nemmeno la morte.

Lo spettacolo è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria, inviando copia del documento d’identità all’indirizzo botteghino@teatrokismet.it, entro e non oltre giovedì 8 giugno. Arriverà conferma della prenotazione. Per informazioni si può chiamare il numero 335 805 22 11.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.