Economia

Fornitori Asl Palese: “731 milioni fermi nelle casse dell’ASL”


Di:

Rocco Palese a Foggia (Consiglio comunale - image by N.Saracino)

Bari – “E’ indifferibile ed urgente che la Giunta Regionale avvii una inchiesta amministrativa interna per comprendere i motivi per cui i fornitori della sanità pugliese non vengono pagati, nonostante la stessa Giunta abbia trasferito i soldi alle Asl con due Delibere, la prima a novembre scorso e la seconda a giugno. In tutto si tratta di ben 731 milioni di euro fermi nelle casse delle Asl. In questo momento di gravissima crisi economica e di tasse regionali che pesano ancora per 338 milioni di euro l’anno nei bilanci di imprese e famiglie, ne va della sopravvivenza stessa delle aziende che lavorano con il servizio sanitario regionale”.

Lo dichiara in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese. “Per l’ennesima volta negli ultimi sei mesi i fornitori del servizio sanitario nazionale sono costretti a denunciare a gran voce lo scandalo di una burocrazia che frena le imprese, provoca a catena disagi ai dipendenti e genera centinaia di contenziosi. E’ arrivato il momento – continua Palese – che la Giunta decida di vederci chiaro e che promuova un’azione forte nei confronti delle Asl per fare in modo che ai fornitori vengano immediatamente liquidate le somme dovute. A meno che non voglia avere sulla coscienza centinaia di aziende e i loro dipendenti”.


Redazione Stato

Fornitori Asl Palese: “731 milioni fermi nelle casse dell’ASL” ultima modifica: 2012-07-30T22:49:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This