Regione-Territorio

Grillo: ignota fretta Napolitano su legge elettorale


Di:

Il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo (fonte image: blog.panorama.it)

Roma – “NAPOLITANO è in pressing per una nuova legge elettorale. Il motivo di questa fretta improvvisa dopo sette anni di letargo al Quirinale, il call center di Mancino, dove i boom non si sentono mai, è apparentemente ignota. I partiti di governo eseguono gli ordini del presidente della Repubblica nell'”interesse del Paese“. Lo dice il leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.

La grande coalizione pdl, pdmenoelle, udc che tiene in vita Monti vuole cambiare le carte in tavola. Sono come dei vecchi bari colti sul fatto. L’obiettivo non è migliorare il Porcellum che fu da loro voluto e applicato nelle elezioni del 2006 e del 2008. Infatti, né Prodi, né Berlusconi hanno mai messo all’ordine del giorno la sua abolizione. L’obiettivo è far quadrare i conti senza l’oste, senza il MoVimento 5 Stelle. La legge elettorale dovrebbe essere materia di referendum, non discussa in segrete stanze. Il conflitto di interessi è palese: chi viene eletto decide come farsi eleggere, il tutto a pochi mesi dalle elezioni. Sono come i ladri di Pisa che litigavano di giorno e la notte andavano a rubare insieme. Le discussioni sulla nuova legge sono incomprensibili, più complesse della teoria del Bosone di Higgs e della relatività generale. Ci volevano talenti puri, teorici istituzionali del livello di Bersani e Letta (il nipote), di Alfano e Fini, per concepirla”.

L’idea (è) del premio di maggioranza, ma agganciato ai voti presi dal singolo partito… stiamo ragionando di un premio del 10 o 15%. Si potrebbe riflettere su un’ipotesi di premio di maggioranza in percentuale ben più alta, ma agganciato ai voti presi dal singolo partito. Questo risponderebbe anche alle obiezioni della Corte Costituzionale sul Porcellum. Per esempio si potrebbe pensare al 33% di premio rispetto al consenso conquistato” con l’assicurazione “sull’entità del premio penso che un accordo si possa trovare anche in tempi ragionevolmente brevi“. Angelino Alfano.

“Una legge uninominale a turno unico o doppio, è lo stesso, ma in cui chi arriva primo è eletto e chi arriva secondo salta un giro, senza quei recuperi che sanno tanto di nomenklatura di partiti che cercano di salvare se stessi Gianfranco Fini. “Se il Pdl accoglie i collegi uninominali, al posto delle liste bloccate, si può fare l’accordo sulla riforma della legge elettorale già stasera”. Dario Franceschini. “Il Pd è pronto alla riforma della legge elettorale e pone solo due condizioni: un premio “ragionevole” di governabilità e la possibilità di scegliere i parlamentari attraverso un meccanismo di collegi. “Non intendo sottrarmi, anzi incalzo: per noi c’è il doppio turno di collegio.” Pierluigi Bersani (detto l’incalzatore).

Il Sole24 ore è intervenuto per spiegare meglio la materia agli italiani: “Possibile “scambio” tra Pd da una parte e Pdl e Udc dall’altra. Lo “scambio” potrebbe essere proprio preferenze-premio: il Pd cede sul premio, accettando che sia al solo primo partito, e Pdl e Udc cedono sulle preferenze, accettando il sistema dei collegi uninominali. Si tornerebbe dunque alla bozza ABC sottoscritta prima dello tsunami amministrative dagli sherpa di Pdl, Pd e Udc, ossia il cosiddetto modello ispano-tedesco o tedesco corretto: 50% di collegi, 50% di proporzionale con liste bloccate e sbarramento al 5%, premio di governabilità del 10%. Con in più l’aggiunta “spagnola” delle piccole circoscrizioni che premiano i grandi partiti e quelli molto radicati sul territorio come la Lega.”

Casini, uno degli artefici del Porcellum alla cui abolizione non ha mai pensato sinora, sembra diventato una donna di facili costumi che d’improvviso voglia farsi suora, ma in un convento di frati. “Noi vogliamo la nuova legge elettorale e la vogliamo subito senza furberie o rinvii. Auspichiamo che sia largamente condivisa tra i partiti che sostengono il governo”. L’Italia, nel frattempo, affonda. Ci vediamo in Parlamento. Sarà un piacere”, termina Grillo.


Redazione Stato@riproduzione riservata

Grillo: ignota fretta Napolitano su legge elettorale ultima modifica: 2012-07-30T13:12:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Vincenzo

    Sono disgustato da questi politici,spero che si mandano tutti a casa alle prox elezioni…. parlate anche di “come mai anche con tante assenze in parlamento riscuotono sempre gli stipendi….” nel privato e nel pubblico questo non può mai accadere….


  • alfons

    E una vrgogna questi politici azzeccagarbugli in teressati solo ha rubare al popolo italiano facciamoli fuori tutti,mandiamoli a casa l’ora si avvicina.. forza giovani non inquinati da pseudo teorie democratiche . fatevi avanti le elezioni sono vicine, liberiamo il paese da questa spazzatura puzzolente……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This