Edizione n° 5265
/ Edizione n° 5265

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Annessioni Russia, Putin: “Difenderemo le nostre terre”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
30 Settembre 2022
Cronaca //

FOGGIA, 30/09/2022 – (adnkronos) “Ci sono 4 nuove regioni della Russia, sono nostre per sempre. Il popolo ha scelto e la scelta del popolo è definitiva”. Il presidente russo Vladimir Putin si esprime così nel discorso per sancire l’annessione alla Russia delle regioni dell’Ucraina in cui, la scorsa settimana, sono stati organizzati i referendum.

fonte: thewisemagazine

“Gli abitanti delle 4 regioni” – Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Luhansk – “diventano nostri cittadini”, spiega Putin parlando di fronte a deputati e senatori, esponenti del governo e delle elite, nella Sala di San Giorgio del Gran Palazzo del Cremlino. Le annessioni, dice il presidente nel discorso seguito dalla firma dei trattati, rappresentano “la volontà di milioni di persone” che hanno esercitato “un diritto integrale”.

Fonte: adnkronos

“Kiev rispetti la volontà popolare, noi difenderemo le nuove terre con tutte le nostre forze, faremo qualsiasi cosa per garantire la sicurezza del popolo“, aggiunge, inviando un messaggio al presidente ucraino Volodymyr Zelensky: “Kiev cessi il fuoco e torni al tavolo del negoziato, noi siamo pronti: lo abbiamo detto e ripetuto”.

VLADIMIR PUTIN
LUIGI DI MAIO: fonte: proiezione di borsa

“Oramai l’Unione sovietica non esiste più, e al passato non si torna e non serve alla Russia. Non è a questo a cui aspiriamo”, spiega. Il presidente sottolinea come non ci sia “nulla di più forte” della volontà dei popoli “di tornare alla propria vera patria”. “Nel 1991 si è deciso di far crollare l’Urss senza chiedere l’opinione del popolo, questo ha creato ferite nella nostra società e portato il Paese al limite della catastrofe nazionale. (adnkronos)

Lascia un commento

“Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé”. (Lucio Anneo Seneca)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.