Edizione n° 5307
/ Edizione n° 5307

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Luigi Di Maio scompare dal web: via da Facebook, via da TikTok

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
30 Settembre 2022
Cronaca // Politica Nazionale //

FOGGIA, 30/09/2022 – Che fine ha fatto Luigi Di Maio? Il rampollo di Pomigliano d’Arco è sparito dai radar dal giorno delle elezioni. La sua pagina Facebook è sparita e su Twitter e Instagram è inattivo dl 23 settembre.

 

Eppure, fino alla formazione del nuovo governo, Luigi Di Maio è ancora formalmente in carica in qualità di ministro degli Esteri e titolare della Farnesina, ruolo che mai come in questo periodo storico è di fondamentale importanza per il Paese e non solo. Eppure, “Gigi” Di Maio è desaparecido. Qualcuno dice che si è già messo in coda per fare domanda per ottenere il reddito di cittadinanza, finché può, altri dicono che sta cercando di riprendere il suo posto allo stadio di Napoli. Ma, al di là delle battute, resta il dubbio su che fine abbia fatto il ministro degli Esteri.

 

La batosta elettorale è stata forte per lui. Il suo partito non ha raggiunto nemmeno l’1%, ossia la soglia minima di sbarramento che viene attribuita ai partiti in coalizione, e si è fermato allo 0,6% con appena 169.165 voti (dati ufficiali del Viminale). Davvero pochi voti per l’ex bimbo d’oro del Movimento 5 stelle, attualmente ancora ministro degli Esteri. Una sconfitta bruciante per lui che dovrà dire addio al parlamento per i prossimi 5 anni almeno. Sicuramente, Luigi Di Maio è un uomo ferito nell’orgoglio, visto che è stato tradito anche nella sua roccaforte, quella di Pomigliano d’Arco. (ilgiornale)

2 commenti su "Luigi Di Maio scompare dal web: via da Facebook, via da TikTok"

  1. L’incoerenza si paga. E poi, uno che sì e no poteva vincere un concorso alle poste non lo si può tenere a fare il ministro degli Esteri, ma che veramend?!

Lascia un commento

“L’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento.” Stephen Hawking

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.