Manfredonia
Il sindaco ha inviato una nota al giudice delegato Elena Rossi e, per opportuna conoscenza, ai commissari giudiziali

Manfredonia Vetro, Riccardi su concordato preventivo: rinviare adunanza creditori

Il sindaco Riccardi ritiene “opinabile l’emersione degli oneri di bonifica solo nel caso di dismissione atomistica degli impianti”


Di:

Manfredonia. CON una missiva odierna, 30 ottobre 2015, il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, ha chiesto il “rinvio dell’adunanza dei creditori del 4 novembre prossimo” in relazione al concordato preventivo (Concordato pieno liquidatorio,ndr) della Sangalli Vetro Manfredonia. Lo riporta una nota dell’ufficio stampa del Comune di Manfredonia. Il sindaco ha inviato una nota al giudice delegato Elena Rossi e, per opportuna conoscenza, ai commissari giudiziali Stefano Ambrosini e Luigi Di Fant, al presidente regionale pugliese Michele Emiliano ed ai referenti del Ministero dello Sviluppo Economico, facendo notare come dalla relazione dei commissari giudiziali è previsto “nella sola ipotesi di dismissione unitaria del compendio produttivo il soddisfo dei creditori chirografari in misura del 3%”, mentre “nel caso di dismissione atomistica” vi sarebbe “assenza di risorse per i creditori chirografari a causa dell’emersione, in questo caso, di passività connesse allo smaltimento dei rifiuti, quantificate dall’esperto in € 1.814.562,88, con il venir meno in questo caso della causa concreta del concordato”.

Il sindaco Riccardi ritiene “opinabile l’emersione degli oneri di bonifica solo nel caso di dismissione atomistica degli impianti” e che “la proposta concordataria, così come formulata, non prende in considerazione opzioni finalizzate alla continuità aziendale e alla salvaguardia dei livelli occupazionali”. Sono queste le ragioni per le quali, rivolgendosi alla dottoressa Elena Rossi, giudice delegato del concordato preventivo, chiede formalmente che possa essere disposto “un congruo rinvio dell’adunanza dei creditori, al fine di consentire a tutte le parti coinvolte nella nota vicenda un’adeguata valutazione dell’incidenza degli oneri di bonifica, nonché l’attivazione di possibili soluzioni dirette a salvaguardare una pluralità di interessi, tra cui quelli dei creditori, dei lavoratori, nonché quello generale alla salvaguardia dell’unità produttiva”.

Così da una nota dell’Ufficio Stampa del Comune.

Manfredonia Vetro, Riccardi su concordato preventivo: rinviare adunanza creditori ultima modifica: 2015-10-30T19:29:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • il bello v

    Certo rinviate così la cassa non la prendiamo mai…


  • Nuovo divieto di svolta a destra

    quando finirà l’odissea di questi operai vittime dei patti d’aria fritta.


  • Chi va a star bene e chi va a star male… E’ la vita! I fessi siamo noi...

    A leggere questo decreto sindacale file:///C:/Users/utente/Downloads/Decreto%20sindacale%20n%2040%20del%2014102015.pdf , a firma, tra l’altro, non del sindaco ma del vicesindaco Zingariello, mi viene la pelle d’oca e un brivido mi corre lungo la schiena, perché penso a noi poveri ex operai della ……………… e alle nostre famiglie condannati a un futuro incerto, mentre altri, che pare non abbiano né mogli né figli da sostenere, riescono a trovare lavoro e impiego facilmente nonostante la grave crisi che imperversa (ma, a quanto pare, solo per noi ex operai comuni mortali!!!).
    E la cosa ti mortifica ancor di più quando ti rendi conto che, nonostante sia ormai considerata da tutti una cattiva condotta, la decisione di alcuni politici di favorire l’accesso a certi impieghi ai propri familiari e amici, sia ancora piuttosto diffusa… Trovo questi comportamenti, alle soglie del 2016, del tutto disdicevoli e offensivi nei confronti dei Cittadini. Resta il fatto che, alla fine, la colpa è sempre la nostra, visto che a votarli siamo sempre noi.
    C’è una cosa che mi sorprende, però, ed è come possa aver fatto una decisione di tal fatta, contenuta in un pubblico decreto, a passare inosservata all’opinione pubblica, alla stampa locale (compreso Stato Quotidiano) (in verità, un testo è stato già pubblicato,https://www.statoquotidiano.it/28/10/2015/comune-manfredonia-ufficio-supporto-sindaco-determinazioni/395882/) e alle forze di opposizione (Cinque Stelle, Forza Italia, Manfredonia Nuova ecc.).
    In altri luoghi, abitati da gente “normale” (forse Manfredonia non lo è o non lo è più?!?!), si sarebbe aperto un caso sulla vicenda, si sarebbe avviata una riflessione comune, sarebbero partite raffiche di interrogazioni e petizioni, almeno sull’opportunità politico-morale di un atto simile, visto anche i tempi correnti e la sempre maggiore asserita necessità di ridurre le spese superflue da parte del Comune (come ammesso, ma solo a parole, dallo stesso Sindaco). Non dico che si sarebbe dovuto gridare alla “parentopoli” manfredoniana, di cui non mancano già tanti altri esempi, ma che, come minimo, qualcuno censurasse certi atti e che facesse comprendere al sindaco Riccardi che equivale ad una vera e propria presa in giro, nei confronti di tutta la collettività, il fatto che lui spenda in questo modo il denaro dei manfredoniani, per lo più dopo essere andato persino all’assemblea provinciale ANCI Puglia a dire che, se nei confronti degli enti locali si continueranno a ridurre gli aiuti da parte dello Stato, il rischio per i cittadini sarà l’innalzamento delle tasse locali e di tagli dolorosi, che, evidentemente, riguarderanno solo le risorse necessarie a far fronte alle esigenze dei cittadini, ma non anche, stante a quanto accaduto, quelle risorse utili a soddisfare i bisogni dei parenti dei politici amministratori.
    Concludo ribadendo tutto il mio disappunto per l’accaduto e affermando, francamente, che, se fossi stato io il sindaco della nostra città, considerato i tempi che corrono e i tanti bisogni e le necessità dei cittadini a cui non si riesce a dare soddisfazione per mancanza di soldi in bilancio comunale (così almeno si dice), mi sarei guardato bene dallo spendere altri circa 20.000 euro l’anno per assumere un dipendente (autista ???) di cui avrei potuto fare benissimo a meno, e ammesso che, al contrario, mi fossi trovato “costretto” a farlo, in primo luogo la scelta non sarebbe mai ricaduta su un mio nipote o altro mio parente e in secondo luogo avrei preferito assumere uno che avesse il bisogno di un lavoro per sostenere moglie e figli.

    Firmato: un ex operaio disoccupato deluso da tutta la politica, sia di maggioranza che di opposizione!


  • Pasquale T.

    Sono un manfredoniano che disoccupato è andato via a Ravenna a fine estate 2011. Dopo aver letto il decreto di assunzione di quel ragazzo parente di ………….. dico di sentirmi onorato per non essere stato uno di quei tanti che hanno votato per questi politici. Hai voglia ancora ad aspettare voi il posto di lavoro, io intanto sono andato via e ho fatto bene, adesso, sempre in fabbrica, ma fissi 1550 € al mese senza dover elemosinare niente a nessuno. Poi vi dico una cosa che qui a Ravenna quando un politico del posto ha tentato di far assumere a chiamata diretta il nipote, lo hanno fatto nuovo nuovo. Ma qui a ravenna sono avanti… Voi a Manfredonia buoni solo a parlare e poi vi fate passare sopra queste cose… Saluti dal “norde”!
    Ah, a questo link si legge meglio il decreto:
    file:///C:/Users/utente/Downloads/Decreto%20sindacale%20n%2040%20del%2014102015.pdf

    A Manfredonia vi è rimasto solo il mare, ma non disperate, tra poco arriverà anche il GAS e risolverete il problema della disoccupazione.

    Solo che i disoccupati sono 13.000, anzi adesso che è stato assunto l’autista al Comune, sono 12.999, e il GAS porterà appena 30 nuovi posti di lavoro. Quindi cari manfredoniani preparatevi a mettervi a 90 gradi e a farvi prendere di nuovo per fessi… Meno male che me ne sono andato…


  • La mani sulla città


  • il bello v

    Ci avete stancato e bastaaaa….vedete le notizie del nord…é inutile sono piu bravi…hanno più capacità….questo é il risultato di quello che avete volutoooo


  • antonella

    Per fessi fiamo noi, la voce dell’assunzione del nipote, noi altri l’apprendiamo ora, e non possiamo darti che ragione, è una vergogna infinita, si continua con parentopoli, mi vergogno del fatto che manfredonia sia in mano a questa gente, mentre tanti padri di famiglia languono per disoccupazione, certi scelgono di suicidarsi Perché non
    hanno nessuna possibilità di lavoro ne di
    essere aiutati, c’è chi predica bene e
    razzola male, da un lato si manifesta
    interesse per la situazione dei lavoratori
    ma all’atto pratico vengono preferiti i
    propri parenti. Complimenti davvero, poi
    si ha il coraggio di insultare e denigrare
    gli altri che mettono l’accento sugli
    strafalcioni di chi amministra. Ora mi
    viene da affermare “che brutta gente”, ma una coscienza c’e l’avete?


  • MOZZARE LA TESTA E LE MANI AI TENTACOLI DEL MOSTRO DI SAN SPIRITICCHIO!

    Fossero anche cento o duecento, bisogna mettere fine a questo mostruoso incubo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This