Regione-Territorio

Sicurezza, giovani, nucleare. Il 2009 della Puglia by Nikita


Di:

vendola_nickiBari – “LA buona politica esiste e rappresenta un patto stabilito tra classe politica e ceto popolare”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola,nell’incontro di stamane a Villa Romanazzi Carducci con i giornalisti per tracciare un bilancio di fine anno. Due le questioni principali poste da Vendola nell’elenco dei risultati raggiunti: il nucleare, al quale il presidente ha ribadito il “secco no della Regione”, così come per i  rigassificatori ed il raddoppio delle raffinerie’. ”Faremo le barricate se necessario”, ha detto Vendola. ”Abbiamo le carte in regola per non essere terra di colonizzazione perche’ noi abbiamo detto si’ alle energie rinnovabili e siamo diventati da questo punto di vista interessanti per tutto il mondo”.E quindi l’altro tema ‘caldo’, l’acqua: ”l’acqua – ha detto Vendola – e’ un diritto della vita e non merce di mercato”. E ha poi voluto ricordare tutto quello che e’ stato fatto in questi anni per quanto riguarda le reti, i depuratori, gli sprechi, gli impianti.”Credo che chiunque abbia occhi per vedere e non sia ammalato di faziosita’ o di malafede – ha continuato Vendola – possa vedere in tutta questa regione i mille segni di cambiamento. Quest’anno la Puglia ha potuto spegnere ad esempio 5.000 incendi senza che se ne accorgesse nessuno: abbiamo una delle migliori protezioni civili d’Italia e non avevamo niente”. Sui progetti per i giovani:. ”Ci sono 10.000 ragazzi pugliesi – ha proseguito – che hanno fruito dei programmi dei Bollenti spiriti, sono ragazzi a cui e’ cambiata la vita, che hanno potuto fare alta specializzazione in qualunque universita’ del mondo e oggi possono portare questa loro competenza specialistica nel nostro apparato produttivo, nella nostra economia”. E ancora: ”i cittadini di Taranto hanno avuto i dati sul monitoraggio dell’abbattimento delle diossine nell’Ilva e quindi questa promessa che avremmo fatto la guerra alla diossina e che l’avremmo cominciata a vincere, dice che a Taranto qualcuno la tocca con mano una Puglia migliore”. ”Abbiamo inaugurato – ha ricordato Vendola – una meravigliosa oncologia nell’ospedale Perrino di Brindisi e li’ abbiamo oggi una rete sanitaria per la lotta contro il cancro che e’ un punto di riferimento per tutto il Sud d’Italia. E sara’ li’, forse tangibile, che c’e’ una Puglia migliore”. ”Possiamo immaginare che i 170 laboratori multimediali di teatro, musica, danza che stiamo inaugurando in tutta la Puglia – ha proseguito – costituiscono per migliaia di giovani il segno tangibile che c’e’ una Puglia migliore”. Oppure ”possiamo pensare che i 118 asili nido che abbiamo gia’ cantierizzato rappresentino per i bambini che li’ saranno accolti una Puglia migliore”. E poi ”lotta per la precarieta’, lotta per la qualita’ ambientale, lotta per i diritti dei cittadini, lotta contro il razzismo e la violenza, una riorganizzazione del ciclo di rifiuti, investimenti nel campo della scuola, mentre il governo continua a tagliare, dell’agricoltura per fronteggiare una crisi difficilissima, della ricerca, del turismo”. ”Sono i tratti distintivi – ha sottolineato- di quella che abbiamo sognato e abbiamo provato a costruire, una Puglia migliore. Io sono orgoglioso di aver contribuito, nel mio piccolo, a dare il segno di un cambiamento possibile”. ”Nessuno – ha concluso – puo’ pensare che la Puglia e’ paragonabile alla terra di Gomorra. Poi naturalmente qualcuno guardera’ un difetto. Io dico che ce n’e’ uno, ce ne sono mille. Ma non vedere gli straordinari passi in avanti che con tutti gli uomini e le donne di buona volonta’ di Puglia abbiamo realizzato significa essere veramente prigionieri del settarismo e della faziosita”’.

Sicurezza, giovani, nucleare. Il 2009 della Puglia by Nikita ultima modifica: 2009-12-30T11:08:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This