Politica

Finanziamenti partiti, Grillo: l’abolizione che non c’è


Di:

Beppe Grillo (statoquotidiano - Ph: notizie.tiscali.net@)

Roma – “DOPO la propaganda elettorale di Letta che con un tweet annunciava di aver eliminato il finanziamento pubblico, oggi scopriamo la verità: per quest’anno non si toccano. Ma dovrebbe avvenire nel 2017 ‘quando terminerà l’erogazione del rimborso già previsto per le elezioni di quest’anno’. Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo.

“I partiti saranno “aiutati” con servizi come sedi, bollette telefoniche, spazi televisivi. Quindi i partiti dal 2017 non gestiranno più soldi? Illusi: “ciascun contribuente può destinare il due per mille della propria imposta sul reddito (IRE) a favore di un partito” e “i fondi non espressamente attribuiti dai privati attraverso l’opzione del due per mille, saranno distribuiti ai partiti proporzionalmente alle somme stanziate in via esplicita”.

“L’importo totale a disposizione dei partiti potrebbe addirittura aumentare. Il finanziamento esce da una parte e entra dall’altra. I soldi dei cittadini continueranno ad arrivare e i partiti a mangiare. Il M5S ha mantenuto fede alle promesse elettorali e ha rinunciato completamente ai 42 milioni di soldi pubblici che gli sarebbero spettati. I partiti non sono riusciti a fare altrettanto. “Questa è una ‘legge-truffa’, una presa in giro per i cittadini che continueranno a pagare per far campare i partiti.”


Redazione Stato@riproduzioneriservata

Finanziamenti partiti, Grillo: l’abolizione che non c’è ultima modifica: 2013-05-31T21:49:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • dino1969

    .
    .
    ,
    Il finanziamento ai partiti è salito nel 2017 di 300 milioni,i soldi escono dalla porta e rientrano dalla fininestra.
    Una legge truffa,ha ragione Peppe Grillo vogliono eliminare entro il 2017 il finanziamento a partiti e farli rientrare con il 2 per mille sulla dichiarazione dei redditi.
    Si stima in base alle medie di chi versa volontariamente,apporrendo la propria firma sul modulo,grazie anche alla spartizione che è prevista per chi non firma,la bellezza di trecento milioni di euro per i partiti dal prossimo 2017.
    In più se l’Italia cresce i redditi saranno di più,i partiti possono anche aumentare del 50% rispetto alla media dei 300 MLN di euro.
    Ma a chi volete prendere per il culo!potete fregare solo alla genteche non si documenta e senza alzarsi dalla sedia vede le informazioni che vogliono loro.


  • dino1969

    .
    .
    .
    Il finanziamento ai partiti salirà nel 2017 di 300 milioni,i soldi escono dalla porta e rientrano dalla fininestra.
    Una legge truffa.Ha ragione Peppe Grillo vogliono eliminare entro il 2017 il finanziamento a partiti e farli rientrare con il 2 per mille sulla dichiarazione dei redditi.
    Si stima in base alle medie, di chi versa volontariamente,apporrendo la propria firma sul modulo della dichiarazione dei redditi,la bellezza di trecento milioni di euro per i partiti dal prossimo 2017.
    In più se l’Italia cresce i redditi saranno maggiori,i soldi previsti ai partiti possono anche aumentare del 50% rispetto alla media dei 300 MLN di euro.

    Ma a chi volete prendere per il culo!Potete fregare solo alla genteche non si documenta e senza alzarsi dalla sedia vede le informazioni che vogliono loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This