BAT
"È giunto il momento di passare dalle parole ai fatti. In queste settimane con gli attivisti di Barletta abbiamo cercato le risposte ai nostri interrogativi"

Disfida Barletta, esposto M5S: Magistratura chiarisca

"La trasparenza non può e non deve essere solo una bandiera da sventolare in campagna elettorale"


Di:

Bari. “La magistratura faccia chiarezza in ordine alle procedure adottate dal Comune di Barletta per l’aggiudicazione dell’evento ‘Disfida di Barletta’”, questo il contenuto di un esposto presentato in data odierna presso il Comando dei Carabinieri di Barletta, dalla consigliera regionale M5S Grazia Di Bari e dal deputato pentastellato alla Camera Giuseppe D’Ambrosio. Questo il commento dei due portavoce cinquestelle: “È giunto il momento di passare dalle parole ai fatti. In queste settimane con gli attivisti di Barletta abbiamo cercato le risposte ai nostri interrogativi, e lo abbiamo fatto rivolgendoci all’amministrazione del Comune di Barletta, chiedendo che facesse chiarezza. Abbiamo posto i nostri quesiti al sindaco Cascella, che ha preferito non rispondere, inviando gli atti della disfida alla corte dei conti.” “Abbiamo presentato – incalza D’Ambrosio – un esposto presso i carabinieri affinché si accertino gli eventuali illeciti e siano puniti gli eventuali responsabili”, mentre la consigliera Di Bari conclude così: “La trasparenza non può e non deve essere solo una bandiera da sventolare in campagna elettorale. I cittadini hanno diritto di sapere in che modo le amministrazioni usano e spendono i soldi, che gli stessi versano con le tasse”.

Disfida Barletta, esposto M5S: Magistratura chiarisca ultima modifica: 2015-10-31T21:09:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Disfida di Barletta, Mennea (Pd): “Nuovo modello culturale ed educativo per i nostri giovani”

    “La Disfida di Barletta deve diventare un evento culturale e turistico strategico della Regione Puglia, progetto che già sostengo da tempo. Attraverso il recupero dell’identità storica della città si può mettere, peraltro, in moto un modello di cultura nuovo, in grado di coinvolgere anche i ragazzi e allontanarli dai falsi miti. Insomma si può puntare sulla storia anche a scopo educativo, come metodo efficace per combattere il bullismo e la delinquenza minorile”. Lo ha detto Ruggiero Mennea, consigliere regionale del Pd e componente della quarta commissione Cultura, questa mattina intervenendo (in rappresentanza della Regione Puglia, delegato dal presidente Michele Emiliano) all’inaugurazione della due giorni di convegni dedicati alla Disfida di Barletta, nella sala rossa del Castello.
    L’esponente del Pd regionale ha posto l’accento sullo spirito dello storico certame, diventato nell’Ottocento un mito nazionale e un elemento identitario per quella che sarebbe diventata poi l’Italia. Non a caso per celebrare il cinquecentenario, nel 2003, l’allora sindaco Francesco Salerno decise di rievocare il certame con un allestimento d’eccezione, in una delle rappresentazioni più belle che si ricordino.

    “Di acqua ne è passata molta sotto i ponti dal 2003”, ha sottolineato Mennea. “E oggi i tempi di ristrettezze economiche impongono sicuramente rievocazioni, per così dire, più morigerate. Messi da parte i fasti di oltre un decennio fa, la Disfida però non può essere trascurata o dimenticata, rischiando di diventare tra 500 anni un lontano ricordo. E’ questo lo spirito con cui l’amministrazione comunale, il Centro studi normanno-svevi e la Regione Puglia hanno deciso, per quest’anno, di lanciare una sfida culturale ed educativa. Un convegno in cui la disfida vera è sulla conoscenza che i più noti storici, filologi e storici dell’arte italiani, francesi e spagnoli, possono offrirci e – spero – trasmetterci. E un modello di riferimento per i ragazzi delle nostre scuole, spesso alla ricerca di falsi miti”.

    Il consigliere regionale ha spiegato che “lo stesso presidente Michele Emiliano sostiene l’idea che la Disfida entri a far parte degli eventi principali della nostra Puglia, quelli che non possono mancare nel calendario di ogni anno. Per intenderci, come la Taranta o il Festival della Valle d’Itria, eventi che sono punto di riferimento per chi vive fuori dalla Puglia e inducono, anzi, molti a visitarla nei periodi in cui si svolgono”.

    “Certo, per quest’anno si è potuta impegnare una cifra non ingente”, ha precisato. “Ma è una sfida che noi qui, oggi e domani, dobbiamo iniziare a raccogliere. La sfida della nostra memoria e della nostra identità, che – ha concluso – possono avere anche un valore economico, ma soprattutto educativo”.

    L’Ufficio Stampa

    Bari, 11 febbraio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This