San SeveroStato prima
Vittima Mario Morelli, ferito un altro 17enne

Diciassettenne ucciso a San Severo, fermato 16enne

"Va rimarcato lo spirito di collaborazione delle varie persone escusse dagli organi investigativi nel corso dell'indagine"

Di:

San Severo. Nella tarda mattinata odierna, nell’ambito di un’intensa indagine fondata su attività tecniche, numerose acquisizioni dei sistemi di videosorveglianza, escussione di vari testi, coordinata sin dalle prime battute dalla Procura della Repubblica di Foggia nella persona del PM di turno dott.ssa Ileana Ramundo e successivamente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Bari nella persona del Pm di turno dott.ssa Spagnuolo, personale della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile di Foggia – e agenti del Commissariato di PS di San Severo – hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Bari, un giovanissimo sanseverese, S. F. classe 2000.

Il giovane è ritenuto responsabile dell’omicidio consumato a San Severo, in Vico del Tesoro, nella serata del 6 ottobre, ai danni di Mario Morelli, classe 1999, e del tentato omicidio di un altro 17enne, attualmente ricoverato presso il reparto di chirurgia dell’Ospedale di San Severo.

Gli inquirenti hanno potuto accertare che l’agguato mortale teso dall’omicida ai danni dei due ragazzi era da ricollegare ad una pregressa lite verbale avuto un’ora prima, con il giovane successivamente ferito, nella zona della città vecchia, causa asseriti contrasti inerenti la relazione sentimentale che il 16rnnr aveva con la propria sorella e la circostanza che nutrisse un interesse nei confronti della stessa ragazza anche Morelli.

Dopo circa un’ora dalla lite, S.F. aveva contattato al cellulare i due ragazzi che all’appuntamento si erano presentati a bordo di uno scooter e nell’occasione erano stati attinti da vari colpi di arma da fuoco. Dopo le formalità di rito, S.F., figlio di un noto pregiudicato della criminalità sanseverese, è stato tradotto presso l’istituto per minori di Bari. Va rimarcato lo spirito di collaborazione delle varie persone escusse dagli organi investigativi nel corso dell’indagine.

————————————
Omicidio Morelli San Severo. Ugl San Severo: ‘Solidarietà vicinanza a quanti colpiti da vicino, e a tutti i cittadini che oggi continuano a pagare i costi sociali di una cultura criminale spietata e sfrontata’. “Non troviamo termini sufficienti ed adeguati per esprimere il dolore, misto ad una sensazione di complessiva impotenza, sconforto e disagio, mentre stiamo ancora elaborando il raggelante omicidio avvenuto, giovedì scorso”. Così l’Unione territoriale del Lavoro Ugl San Severo, a margine della notizia relativa al fermo emesso dal pm del Tribunale per i Minorenni di Bari Carla Spagnolo, effettuato da personale della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile di Foggia ed il Commissariato di PS di San Severo, di un giovane sanseverese accusato di essere l’autore dell’omicidio del 17enne Mario Morelli.

“Come Segreteria dell’Ugl San Severo – conclude la nota – desideriamo esprimere la nostra solidarietà e commossa vicinanza a quanti sono stati colpiti da vicino negli affetti per la scomparsa di un loro caro, e a tutti quei cittadini che oggi continuano a pagare i costi sociali di una cultura criminale spietata e sfrontata”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati