Edizione n° 5378

BALLON D'ESSAI

PRIMA DONNA // Lidya Colangelo: “Grazie San Severo, sono grata a tutti voi”
25 Giugno 2024 - ore  17:54

CALEMBOUR

FRODE // Cpr Milano: chiesto il processo per 2 persone e una società
25 Giugno 2024 - ore  17:18

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Vieste, sequestri a boss Notarangelo: 18 immobili e quote

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
11 Ottobre 2012
Manfredonia //

Conferenza stampa sequestri beni Notarangelo, op. Medioevo (maggio 2011, Bari - Ph: antennasud)
Vieste – NEL giorno della visita del Ministro Cancellieri a Vieste per la riapertura del ristorante Sciali, distrutto da un incendio doloso, all’indomani dell’ordigno al mercato di viale Pinto a Foggia, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bari unitamente ai Carabinieri del Comando Compagnia di Vico del Gargano e della Tenenza di Vieste hanno posto sotto sequestro beni mobili, immobili, disponibilità finanziarie e compendi aziendali per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro nei confronti di Angelo Notarangelo, detto “Cintaridd”, capo dell’omonimo clan operante nel territorio di Vieste (FG).


I provvedimenti sono stati disposti dal GIP del Tribunale di Bari, dott. Anglana, su richiesta dei pubblici ministeri della Direzione Distrettuale Antimafia, dott. Gatti e dott.ssa Silvestris, a seguito di complesse indagini patrimoniali in applicazione della normativa antimafia che permette di “aggredire” i patrimoni riconducibili – direttamente o indirettamente (tramite familiari e/o interposte persone) – ai soggetti indagati per determinate tipologie di reati (traffico di sostanze stupefacenti, usura, estorsione, riciclaggio ecc.). Il soggetto colpito dalla misura cautelare patrimoniale è stato coinvolto nell’operazione “I tre moschettieri”, condotta dalla Compagnia dei Carabinieri di Vico del Gargano e conclusasi il 19 luglio scorso con l’arresto del Notarangelo, unitamente ad altri tre accoliti del citato gruppo criminoso, per estorsione continuata ed aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori viestani, titolari di un ristorante e di un villaggio turistico, i quali erano stati costretti a versare nelle mani degli aguzzini tangenti pari a circa 1.000,00 euro al mese.


Angelo Notarangelo (detto 'u'cintaridd' - Ph: vocedivieste)
Al fine di assicurare un’efficace azione di aggressione ai sodalizi criminali, parallelamente alle indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano, venivano avviate, dagli investigatori del G.I.C.O. del Nucleo Polizia Tributaria Bari, complesse indagini patrimoniali volte alla sottrazione dei patrimoni illecitamente accumulati dalla consorteria indagata.


Più in particolare le attività degli inquirenti si sviluppavano attraverso:
– l’incrocio delle risultanze ricavabili dalle banche dati in uso al Corpo (Anagrafe Tributaria, Camera di Commercio, P.R.A., Catasto ecc.) grazie alle quali è stato possibile tracciare un puntuale ed analitico profilo patrimoniale dei soggetti indagati e dei loro familiari conviventi.
l’ausilio di sofisticati sistemi informatici (il noto applicativo “MOLECOLA”) che hanno consentito di evidenziare una netta sproporzione tra l’elevato tenore di vita dei soggetti ed i redditi dichiarati da considerarsi sulla soglia della povertà; – l’analisi delle risultanze investigative emerse dell’ambito dell’operazione “I TRE MOSCHETTIERI”.

Le indagini poste in essere dalla Guardia di Finanza hanno consentito di accertare enormi sproporzioni fra le fonti di reddito dell’indagato ed il cospicuo valore dei beni mobili ed immobili nell’effettiva disponibilità dello stesso. E’ stata, infatti, accertata a fronte di esigue dichiarazioni dei redditi, nel quinquennio 2005 – 2010, la famiglia Notarangelo ha avuto la disponibilità finanziaria su conti correnti bancari pari a circa 2 milioni di euro, a cui va aggiunto il cospicuo valore dei beni mobili ed immobili posti sotto sequestro.

Tra i beni sottoposti a sequestro preventivo ex art. 12-sexies L. 356/1992 e 321 c.p.p. spiccano:
18 immobili, tra i quali molti di prestigio, siti in Vieste (FG);
– un’azienda con sede a Vieste (FG) operante nel settore del commercio di autovetture e di autoveicoli leggeri;
– il 50% delle quote di una Società in nome collettivo operante nel settore dei bar e caffè con sede in Vieste (FG);
– un autoveicolo e un motociclo.


Redazione Stato, defilippo@riproduzioneriservata

Lascia un commento

In ogni paese c’è una orrenda casa moderna. L’ha progettata un geometra, figlio del sindaco. (Dino Risi)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.