Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Un centinaio di braccianti del Ghetto occupano un terreno nel Foggiano

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
26 Maggio 2023
Foggia // San Severo //

FOGGIA – Da stamane un centinaio di braccianti dell’insediamento informale di Torretta Antonacci (Ex Gran Ghetto di Rignano) hanno occupato un appezzamento di terreno per rivendicare il diritto alla terra a chi la lavora, in occasione della giornata di sciopero generale indetto dall’U.S.B. a livello nazionale.

 

I braccianti con un trattore, zappe e altri attrezzi da lavoro stanno ripulendo, trinciando e arando la particella 134 del foglio 144 del comune di San Severo, di proprietà dell'”Ente per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Lucania ed Irpinia”, di cui i lavoratori rivendicano l’autogestione per valorizzare la terra e garantirsi un lavoro fuori e contro lo sfruttamento e il caporalato: si tratta di alcuni ettari di terreno incolto di proprietà pubblica lasciato per anni all’incuria e all’abbandono, uno schiaffio alla miseria per chi è costretto a poche decine di metri a vivere in condizioni fatiscienti, in baracche senza i servizi minimi fondamentali e sottostare al ricatto continuo della precarietà e del lavoro nero.

 

Chiediamo alla Regione Puglia l’assegnazione di questi terreni, l’accesso alla rete irrigua per avviare immediatamente la semina e la produzione ortofrutticola.

 

Nel corso dei lavori di aratura, oggi alle ore 15 sarà simbolicamente piantato il primo seme di pomodoro nel corso di una apposita conferenza stampa in cui i braccianti presenteranno il progetto di autogestione delle terre occupate.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.